Why Democracy?, il progetto internazionale che non piace alla tv italiana

Pubblicato da Giorgia Iovane Giovedì 8 maggio 2008

Why Democracy? è un progetto internazionale per il quale hanno lavorato per tre anni dieci registi provenienti da tutto il mondo che hanno documentato con i propri lungometraggi le condizioni della democrazia dei propri Paesi. Uno di questi documentari, Taxi To The Dark Side (in alto), ha vinto l’Oscar nell’ultima edizione, ma in Italia non è mai stato trasmesso. E dire che nel mondo le reti tv fanno a gara per trasmetterli. E noi?

Rai, Mediaset e La7 restano al palo. Solo la Rai ha trasmesso a notte fonda due dei dieci film relaizzati nell’ambito del progetto Why Democracy?, di cui potete scoprire di più nel sito dedicato, senza dare per niente risalto all’evento. E dire che nel resto del mondo i dieci film sono andati in prima tv simultaneamente, su ben 43 reti pubbliche e private, mentre noi sonnecchiavamo. Le dieci testimonianze provegono da Peasi non solo politicamente in difficoltà, come Cina, Liberia, India, Pakistan, Bolivia, ma anche dagli Stati Uniti, dalla Danimarca e dalle ben più occidentalizzate Giappone, Egitto e Russia. L’Italia, manco a dirlo, è l’unico dei paesi industrializzati a non aver partecipato nè creativamente nè economicamente al progetto.

I dieci film, che elenchiamo di seguito, sono disponibili sul sito di Why Democracy? in streaming: è già qualcosa, in attesa che però qualche rete italiana intervenga per trasmetterli degnamente. Non è mai troppo tardi.

Bloody Cartoons – Danimarca

Campaign! The Kawasaki Candidate – Giappone

Dinner with the President – Pakistan

Egypt: We Are Watching You – Egitto

For God, Tsar and the Fatherland – Russia

In Search of Gandhi – India

Iron Ladies of Liberia – Liberia

Looking for the Revolution – Bolivia

Please Vote for Me – Cina

Taxi to the Dark Side – Usa