Uomini e Donne, Alessandro Rausa vedovo due volte: “Dolore profondissimo”

Denis Bocca
  • Esperto di Uomini e Donne e Grande Fratello Vip
  • Autore esperto di Paolo Bonolis e Maria De Filippi
05/11/2022
Uomini e Donne, Alessandro Rausa vedovo due volte: “Dolore profondissimo”

Il cavaliere di Uomini e Donne è rimasto vedovo per due volte: il suo più grande dolore

C’è un grande dolore nella vita di ognuno, ma in quella di Alessandro Rausa, simpatico cavaliere alla corte di Maria De Filippi, ce n’è più di uno che lo hanno abbattuto seppur in maniera diversa: infatti come ha confessato lui stesso al settimanale Uomini e Donne Magazine “Perdere le mie due mogli è stato il dolore più grande”. Ebbene sì, il cavaliere è rimasto vedovo per ben due volte: la prima volta, dopo che è successo, non ha più voluto uscire di casa, fumava due pacchetti di sigarette al giorno, mentre la seconda volta ha incontrato poi una donna che l’ha deluso, perché gli ha mentito sulla sua situazione di madre.

Alessandro Rausa non fa fatica ad ammetterlo: “Ho dato più delusioni di quante io ne abbia ricevute”

Non bisogna mai smettere di essere sinceri, anche se la verità può far male, e questo lo sa bene il cavaliere di Uomini e Donne amico di Pinuccia (che ha vissuto un vero dramma), che si scontra sempre con Tina Cipollari. Infatti il cavaliere ha ammesso che “ho dato più delusioni in amore di quante io ne abbai ricevute” perché da ragazzo non ci pensava nemmeno a convolare a nozze, figurarsi, lui voleva solo pensare alla sua attività e alle sue cose. E anche ora non ha più intenzione di sposarsi dato che è rimasto già vedovo due volte. Comunque lui con le sue frequentazioni è sempre stato onesto e sincero, ma le donne che ha incontrato si sono sempre un po’ illuse.

Uomini e Donne: com’è stato il primo amore del cavaliere Alessandro

Ma com’è stato il primo amore di Alessandro Rausa, che è diventato un beniamino di Uomini e Donne grazie alla sua amicizia con Pinuccia? E’ proprio lui a raccontarlo per la prima volta: è successo in quinta elementare, si andava in classi miste, questa ragazzina aveva le trecce. Si facevano i dispetti, una cosa goliardica.

Poi Alessandro verso i quindici anni ha cominciato a vendere le biciclette nel suo paese e quando sua madre decise di regalargli una bicicletta lui scelse un modello da donna perché così le ragazze avrebbero voluto farci un giro più volentieri e lui avrebbe avuto qualche chance in più per conquistare i loro giovani cuori. Poi ha conosciuto il suo primo amore maturo, se così voglia intenderlo, una volta andato a Milano.