go

Tom Kapinos: “Dawson’s Creek, esperienza misera!”

Mentre da mercoledì Italia 1 trasmette le repliche di Dawson's Creek (una delle “migliori” serie adolescenziali dell'epoca, almeno agli inizi, e sicuramente migliore di certe ciofeche odierne), Tom Kapinos, ex showrunner della serie ed oggi in Californication (di cui vi abbiamo già parlato qui) ha sparato ad alzo zero su tutti i protagonisti della serie

Pubblicato da Fulvia Leopardi Venerdì 5 giugno 2009

Mentre da mercoledì Italia 1 trasmette le repliche di Dawson’s Creek (una delle “migliori” serie adolescenziali dell’epoca, almeno agli inizi, e sicuramente migliore di certe ciofeche odierne), Tom Kapinos, ex showrunner della serie ed oggi in Californication (di cui vi abbiamo già parlato qui) ha sparato ad alzo zero su tutti i protagonisti della “Baia di Dawson”.

Interpellato in merito alla nascita di Californication, Kapinos ha infatti spiegato che “l’idea di questa serie è nato dalle mie ‘miserie lavorative’ con Dawson’s Creek; ero lì per scrivere sceneggiature, e sono finito in questa serie, divertente e che portava soldi, ma che non era quello che volevo fare”.
 
E se pensate che Kapinos abbia risparmiato i protagonisti principali, ossia Katie Holmes (oggi moglie di Tom Cruise), James Van Der Beek (praticamente sparito a parte qualche apparizione in svariate serie tv), Joshua Jackson (oggi in Fringe) e Michelle Williams (ex moglie di Heath Ledger e l’unica dei quattro ad essersi fatta un nome nel mondo del cinema e non grazie al matrimonio), beh…continuate a leggere!.
 
L’esperienza in Dawson’s Creek, ha ribadito Kapinos, è stata veramente miserabile, ma è stato come farsi quattro anni in un campo di addestramento. Era come andare a scuola di televisione ed imparare a dirigere uno show, visto che qualsiasi persona in grado di prendere una decisione era messa, almeno per un po’, a mandare avanti lo show, ed io ho imparato tutto quello che c’era da imparare sul come mandare avanti uno show”.
 
La “botta” per i quattro protagonisti è arrivata alla fine: “Qual è stata la cosa che ha reso più difficile questa sfida?”, ha chiesto il moderatore della serata, e Kapinos ha immediatamente risposto: “I quattro attori, erano veramente mostruosi, e non in senso buono: erano molto giovani, e sono diventati molto famosi…rendevano la vita impossibile a tutti gli sceneggiatori e ai produttori della serie”.
 
Serie che, dicevamo, da mercoledì – come praticamente ogni estate – potete rivedere su Italia 1 a partire dalle 3 del pomeriggio. Per quanto ci riguarda, anche senza i retroscena fornitici da Kapinos, una visione di Dawson’s Creek è stata più che sufficiente!
 
La sigla di Dawson’s Creek

https://youtube.com/watch?v=kY3sBEHhFR8%26

 
Photogallery: http://www.starpulse.com/Television/Dawsons_Creek