Tananai e il suo passato doloroso: “La mia infanzia è stata davvero…”

Graziamaria Franchini
  • Esperta di personaggi tv e di gossip
05/07/2022
Tananai e il suo passato doloroso: “La mia infanzia è stata davvero…”

Tananai svela il motivo che si nasconde dietro la drammatica adolescenza: finalmente ha trovato il coraggio

Il cantante de La Dolce Vita si sbottona rivelando aspetti traumatici della sua adolescenza che sinora erano sconosciuti al grande pubblico. Tananai da piccolo sarebbe stato obeso e questo gli avrebbe impedito di poter avere una vita normale e tranquilla, non tanto per le insicurezze in sé stesso, che pure erano presenti, ma per il modo in cui veniva trattato dagli altri suoi coetanei a causa del peso eccessivo. Alle medie i compagni lo chiamavano “ciccione” e lo spintonavano, perché l’artista era alto 1 metro e 50 e pesava 82 chili. Per via di un problema al ginocchio, sempre alle medie, Tananai è finito su una sedia a rotelle ed è stato costretto a saltare le lezioni perché non voleva farsi vedere in quello stato dagli altri. Dopo diverse peripezie, finalmente verso l’ultimo anno ha iniziato a rimettersi in forma e come ha dichiarato in un intervista al Corriere della Sera, tramite l’adozione di corrette norme alimentari ha pian piano perso peso. Anche gli ormoni hanno giocato il loro ruolo e finalmente ha potuto recuperare la sicurezza in sé stesso: ha raccontato che finalmente le ragazze lo guardavano, ma lui non riusciva a crederci, abituato com’era a non piacere e a ricevere soltanto attenzioni negative.

Il cantante dichiara amareggiato: “Il vero bullismo è quello che avviene sui social”

Eppure Tananai ha detto che le angherie subite durante la sua difficile adolescenza non sono niente in confronto alla cattiveria presente nel mondo dello showbuisness, in particolare sui social, dove la gente riesce sempre a dare il peggio di sé. L’artista si riferisce in particolare ai tweet sanremesi dello scorso inverno, da lui definiti bullismo per la quantità incredibile di cattiveria che è stata riversata su di lui. Al tempo Tananai, vero nome Alberto Cotta Ramusinom, ha dovuto fare ricorso all’ autoironia per sopportare le critiche e riuscire a prendere con filosofia l’ ultimo posto a Sanremo. Una posizione a fondo classifica che in realtà non si è poi rivelata così catastrofica, come dimostrano altre parabole sanremesi passate, tipo quella di Vasco Rossi.

Tananai furioso perché a Sanremo era finito all’ultimo posto che pensava di non meritarsi

La kermesse sanremese non è stata certo una passeggiata per Tananai e non sono per il tweet, ma anche perché non ha riscosso una buona posizione in classifica, finendo addirittura ultimo. Molti hanno supposto che il cantante fosse furioso per questo risultato, ma lui ha spiegato di avere incolpato soprattutto sé stesso, credendo di non essere all’altezza e abbattendosi leggendo le opinioni negative che circolavano su di lui:  Ho pensato “all’Italia non piaci”. Il giorno dopo il ritorno a casa: mi chiama il mio manager e mi dice che tutti mi vogliono. Se lo rifarei? Quello che ho fatto sì. Nonostante queste esperienze, che potrebbero apparire pessime, l’artista, il quale recentemente ha subito un incidente, si è riscattato alla grande e tuttora è uno dei più amati e seguiti dal pubblico.