go

Sanremo 2018: il medley di Michelle Hunziker contro la violenza sulle donne

Michelle Hunziker, co-conduttrice del Festival di Sanremo 2018, è stata protagonista, durante la terza serata della kermesse canora, di un medley contro la violenza sulle donne. La svizzera si è esibita in diversi brani dedicati proprio alle donne, da Le donne lo sanno fino ad arrivare a W la mamma.

Pubblicato da Ilaria Sciortino Giovedì 8 febbraio 2018

68th Sanremo Music Festival 2018

Nella terza serata del Festival di Sanremo 2018 Michelle Hunziker ha cantato un medley contro la violenza sulle donne. La conduttrice svizzera si è presentata sul palco dell’Ariston con un abito rosa e ha iniziato a cantare il brano I maschi di Gianna Nannini. La Hunziker è da molto tempo impegnata nella lotta alla violenza sulle donne ed ha sempre dichiarato di voler ascoltare l’opinione e la voce di tutte le donne che ne hanno bisogno. E così è stato anche durante la sua esibizione a Sanremo 2018, quando ha notato che alcune donne che facevano parte del pubblico si sono alzate, cercando di richiamare la sua attenzione.

Ovviamente ciò era programmato e la richiesta di attenzione da parte di diverse donne era solo l’inizio del medley della terza serata della kermesse canora con protagonista Michelle Hunziker e altre donne, tra cui anche una del cast del Festival di Sanremo 2018. La prima donna del pubblico, che ha dato il via al medley, ha espressamente confessato alla conduttrice che la scelta di cantare I maschi non le sembrava adatta: ‘Io sono una sua fan, non capisco questa scelta’.

Dopo altre numerose (e finte) lamentele da parte delle donne del pubblico, sono salite sul palco dell’Ariston insieme a Michelle Hunziker e si sono esibite in una serie di canzoni dedicate al cosidetto gentil sesso. Partendo da Le donne lo sanno di Ligabue, per arrivare a Non sono una signora di Loredana Bertè, passando per Quelle che le donne non dicono di Fiorella Mannoia e anche W la mamma.

Tutto per ricordare l’importanza della lotta contro la violenza della donna.