Sanremo 2011: Roberto Vecchioni, Chiamami ancora amore (Testo)

Pubblicato da Giorgia Iovane Martedì 8 febbraio 2011

Sanremo 2011: Roberto Vecchioni, Chiamami ancora amore (Testo)

Una delle principali sorprese di Sanremo 2011 è il ritorno di Roberto Vecchioni all’Ariston. Eh sì, perché il professore della musica italiana non è nuovo all’esperienza festivaliera, anche se vi ha partecipato più in qualità di autore che di interprete. Una prima partecipazione risale ai suoi esordi, al 1968, ma vediamo ora il testo di Chiamami Ancora Amore, in gara a Sanremo 2011 nella categoria Big.

Roberto Vecchioni si prepara a tornare a Sanremo per la 61ma edizione del Festival in gara nella categoria Big. Un ritorno, visto che nel 1968 vi ha partecipato come autore della canzone Sera, interpretata da Giuliana Valci e Gigliola Cinquetti, mentre nel 1973 ha calcato il palco del Festival come compositore e interprete de L’uomo che si gioca il cielo a dadi, brano dedicato al padre, che si classifica all’ottavo posto.

Di anni ne son passati tanti e adesso Vecchioni è uno di quei ‘mostri sacri’ della canzone italiana che non si pensava potessero tornare a Sanremo, per di più in gara. Ma leggiamo ora il testo di Chiamami Ancora Amore, brano scritto da Vecchioni per Sanremo 2011.

CHIAMAMI ANCORA AMORE (R. Vecchioni, C. Guidetti – R. Vecchioni)
E per la barca che è volata in cielo
che i bimbi ancora stavano a giocare
che gli avrei regalato il mare intero
pur di vedermeli arrivare;
per il poeta che non può cantare
per l’operaio che non ha più il suo lavoro
per chi ha vent’anni e se ne sta a morire
in un deserton come in un porcile
e per tutti i ragazzi e le ragazze
che difendono un libro, un libro vero
così belli a gridare nelle piazze
perché stanno uccidendo il pensiero;
per il bastardo che sta sempre al sole
per il vigliacco che nasconde il cuore
per la nostra memoria gettata al vento
da questi signori del dolore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Che questa maledetta notte
dovrà pur finire,
perché la riempiremo noi da qui
di musica e di parole;
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
In questo disperato sogno
tra il silenzio e il tuono
difendi questa umanità
anche restasse un solo uomo
Chiamami ancora amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Perché le idee sono come farfalle
che non puoi togliergli le ali
perché le idee sono come le stelle
che non le spengono i temporali
perché le idee sono voci di madre
che credevano di avere perso,
e sono come il sorriso di Dio
in questo sputo di universo
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Che questa maledetta notte
dovrà pur finire,
perché la riempiremo noi da qui
di musica e parole;
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Continua a scrivere la vita
tra il silenzio e il tuono
difendi questa umanità
che è così vera in ogni uomo
Chiamami ancora amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Che questa maledetta notte
dovrà pur finire,
perché la riempiremo noi da qui
di musica e parole;
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
In questo disperato sogno
tra il silenzio e il tuono
difendi questa umanità
anche restasse un solo uomo
Chiamami ancora amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Perché noi siamo amore.