Sanremo 2011: Raphael Gualazzi, Follia d’amore (testo)

Raphael Gualazzi si presenta al Festival di Sanremo 2011 nella sezione Giovani con il brano Follia d'amore

Pubblicato da Laura Alfano Martedì 8 febbraio 2011

Raphael Gualazzi fa il suo debutto sul palco del Teatro Ariston con la canzone Follia d’amore, in concorso al Festival di Sanremo 2011 nella sezione Giovani. Grande appassionato di musica jazz, blues e fusion, il trentenne di Urbino è l’ultima scommessa di Caterina Caselli che si era già fatta notare dal grande pubblico nel 2009 con la cover di Don’t stop, uno dei successi dei Fleetwood Mac, poi scelta come colonna sonora di uno spot Eni. Raphael ha già calcato diversi palcoscenici importanti, come quello dell’Heineken Jammin Festival, del Giffoni Film Festival e soprattutto del Blue Note di Milano. In alto il video di Follia d’amore (ricordiamo che i brani dei Giovani sono già stati presentati durante Domenica In) e dopo il salto il testo della canzone.

Il mio brano ben rappresenta il mondo musicale in cui vivo. Parlo di follia e di amore, due ingredienti fondamentali che abbiamo tutti. Basta solo trovarli”: così Raphael Gualazzi presenta Follia d’amore, il brano scritto e composto dallo stesso artista in gara al Festival di Sanremo 2011 nella sezione Giovani. Ecco il testo.
 
FOLLIA D’AMORE (R. Gualazzi)
Dire si dire mai
non è facile sai
se tutti quanti siamo in orbita nella follia
io non so più chi sei
non mi importa chi sei
mi basta perdere l’incanto di una nostalgia

ma vedrai un altro me in un sogno fragile
riderai come se
non ti avessi amato mai
cercherai un altro me
oltre all’ombra di un caffc
troverai solo me
se mi fermo un attimo io non so più chi sei

qui si vive cose
day by day
night by night
e intanto il mondo si distoglie dalla sua poesia

non dipingermi mai non costringermi mai
abbandoniamoci alla soglia della mia pazzia

e vedrai un altro me disarmato fragile
perchè quello che sei
non lo cambierai mai
neanche se fossi tu
come il tempo a correr via
ma rimani con me
non mi perdo neanche un solo attimo di te

e vedrai un altra te
quasi invincibile come non mai
viva come non mai
ed è li che tu mi avrai
oltre false magie l’orizzonte sarai
splenderai
splenderai
splenderai
splenderai