go

Ron a Sanremo 2017 con ‘L’Ottava Meraviglia’: testo della canzone

Il cantante torna sul palco del Festival con un brano che lo rappresenta molto

Pubblicato da Luana Rosato Martedì 31 gennaio 2017

Ron parteciperà a Sanremo 2017 con la canzone ‘L’Ottava Meraviglia’: di seguito il testo del brano. Per il cantante – all’anagrafe Rosalino Cellamare – sarà la settima volta sul palco del Festival: alle spalle ha già sei apparizioni e una vittoria nel 1996 in coppia con Tosca con il brano ‘Vorrei incontrarti fra cent’anni’. L’ultima apparizione di Ron al Festival di Sanremo risale al 2014, anno in cui si piazzò al 13esimo posto. L’annuncio dell’ammissione alla 67esima edizione del Festival è stato accolto con grande entusiasmo da parte del cantante che, con un post sui social, ha voluto ringraziare Carlo Conti per aver scelto, insieme alla Commissione, il brano.

‘L’Ottava Meraviglia’ è una canzone il cui testo è molto caro a Ron, scelto tra i 22 Big in gara a Sanremo 2017. Carlo Conti ha annunciato la sua partecipazione al Festival durante la serata evento del 12 dicembre, Sarà Sanremo, un ‘assaggio’ di ciò che sarà la 67esima edizione della kermesse canora simbolo della musica italiana. Ron non sale sul palco del Teatro Ariston da ben 3 anni: nel 2014 ha partecipato con la canzone Un abbraccio unico che, però, gli è valsa solo il 13esimo posto. Il cantante, in realtà, è uno dei veterani del Festival: ha all’attivo ben sei Sanremo e una vittoria, nel 1996, con la canzone ‘Vorrei incontrarti fra cent’anni’ che lo vide esibirsi in coppia con Tosca. 

L’annuncio della sua partecipazione al Festival di Sanremo 2017 è stato accolto con grande entusiasmo: ‘Ciao a tutti, sono felice di poter prendere parte a questa nuova edizione del Festival di Sanremo con una canzone che mi rappresenta molto – ha scritto Ron su Facebook dopo la notizia lanciata dal direttore artistico della manifestazione musicale – Ringrazio Carlo e la Commissione per aver scelto questo brano, un abbraccione a tutti. RON #SaràSanremo’. Attesissima, dunque, L’Ottava Meraviglia, la canzone che Ron porterà sul palco del Teatro Ariston e che gli permetterà di concorrere alla vittoria insieme agli altri 22 Big in gara.

Per Ron la partecipazione a Sanremo 2017 è un’emozione che torna a ripetersi. Il cantante, che ha esordito nel panorama musicale italiano negli Anni Settanta riscuotendo un discreto successo con ‘Il Gigante e la bambina’ (brano presentato ad Un disco per l’estate), è approdato per la prima volta sul palco del Teatro Ariston nel 1970 con la canzone ‘Pa’ diglielo a ma’ in coppia con Nada, aggiudicandosi il settimo posto. Gli è valso il primo posto, invece, il brano ‘Vorrei incontrarti fra cent’anni’ – in coppia con Tosca – che si piazzò in vetta alla classifica del Festival nel 1996.

Ron, il testo della canzone ‘L’Ottava Meraviglia’

Il testo della canzone L’Ottava Meraviglia che Ron presenterà alla 67esima edizione del Festival di Sanremo, è stato scritto da Rosalino Cellamare, Mattia Del Forno, Francesco Caprara ed Emiliano Mangia. 

La mia vita è una candela
Brucerà lasciando cera
È la scena di un romanzo
Che non so come finirà
All’inizio un’altalena
Una storia una sirena
È la convinzione di raggiungerti
Anche in capo al mondo
Anche quando sono in coda
Nella fretta di arrivare
Fra polemiche alla radio
Una casa nuova da desiderare
E stasera piove ancora
E stasera farò tardi
Le giornate sempre corte
E io sempre meno giovane
Ma in fondo
L’ottava meraviglia del mondo
Siamo io e te… siamo io e te
In mezzo ai nostri pensieri
C’è una strada da fare
Da percorrere insieme
Su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
Nei miei occhi l’America
Nei tuoi passi l’Oriente
Fino a che non cadranno
Saranno le stelle a inseguire i nostri momenti
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare
Per dividere il mondo e poi ricominciare
Un sentiero da esplorare
Che mi tiene ancora acceso
Scivolando sulla noia
Tu mi hai rialzato con la gioia
E arrivavo come un tuono
In ritardo come sempre
La tua luce un’anteprima
A quello che avrei detto
Che avrei fatto dopo
Ma in fondo
L’ottava meraviglia del mondo
Siamo io e te… siamo io e te
In mezzo ai nostri pensieri
C’è una strada da fare
Da percorrere insieme
Su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
Nei miei occhi l’America
Nei tuoi passi l’Oriente
Fino a che non cadranno
Saranno le stelle a inseguire i nostri momenti
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare, andare, andare
Andare…
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare
Per dividere il mondo
E poi ricominciare… ricominciare
E se non ci pensi sarà più forte
Se qualcosa resta, resta qua
Togliamoci la voglia stanotte
Comunque mi perdonerei
A me capita con te
A me capita con te
Bruciamo forti questa notte
Fari sopra un promontorio
Il mare bussa sugli scogli
E il vento taglia, rasoio
A me capita con te di non vedere le stelle cadere
Ma nascere
E di arrivare ad amare le chiacchiere
Di capire un po’ di gossip
Non pensare ai presupposti
Di averti a tutti i costi
A me capita con te
A me capita con te
A me capita con te