Rocco Hunt a Festival di Sanremo 2014 con Nu Juorno Buono: scheda e testo della canzone

Pubblicato da Simone Morano Mercoledì 1 gennaio 2014

Il Festival di Sanremo del 2014 sarà all’insegna del rap anche grazie a Rocco Hunt, uno degli otto concorrenti della categoria Giovani. Rapper campano giovanissimo (è nato nel 1994) e decisamente talentuoso, Rocco Hunt proviene dalle case popolari della Zona Orientale di Salerno, e nel corso della sua pur breve carriera ha saputo costruirsi uno stile alquanto personale, quasi inconfondibile, evidentemente legato al contesto urbano e sociale che l’ha visto nascere e crescere. La sua prima auto-produzione risale al 2010 e si intitola, emblematicamente, A’ music’ è speranz, cioè La musica è speranza.

Carattere da scugnizzo ma acume da intellettuale, Rocco Hunt nelle sue canzoni è in grado di coniugare profondità e ironia, mescolando con sapienza la più antica saggezza popolare e l’attualità più stringente. Autodidatta e orgoglioso di esserlo, si è costruito i propri riferimenti culturali in maniera autonoma, grazie anche alla cultura di strada in cui è stato immerso, e ha sviluppato l’eccezionale capacità di scrivere rime non solo in dialetto ma anche in italiano.

Il suo primo street album, pubblicato a novembre del 2011, è stato completamente auto-prodotto, e si intitolava Spiraglio di periferia: si è immediatamente rivelato un eccellente successo sulla scena hip hop nazionale e non solo per merito dei singoli O’ mare ‘e o’ sole e Nun c’ sta paragon, che hanno ottenuto numerose visualizzazioni su Youtube.

In brevissimo tempo, dunque, Rocco Hunt è divenuto, insieme con Clementino, una voce importante del rap campano. Lo scrittore Roberto Saviano ha menzionato la sua canzone Quante cose su Twitter e Facebook (un duetto interpretato in coppia con ‘Nto dei Co’Sang), a testimonianza della fama raggiunta in pochissimo tempo. Don Joe dei Club Dogo, invece, ha prodotto la sua prima canzone totalmente in italiano, RH Positivo.

Rocco, il cui vero nome è Rocco Pagliarulo, sul palco dell’Ariston porterà il brano Nu juorno buono; sfiderà Veronica De Simone, Ivan Graziani, Zibba, Vadim, The Niro, Diodato e Bianca. Promosso dalla commissione costituita da Stefano Senardi, Massimo Martelli, Andrea Guerra, Claudio Fasulo e Mauro Pagani, ha battutto la concorrenza – tra gli altri – di Antonella Lo Coco, Alberto Bertoli, Timothy Cavicchini e Jessica Mazzoli.

Nu Juorno Buono

Questa mattina per fortuna c’è un’aria diversa
Il sole coi suo raggi penetra dalla finestra
Quant’è bella la mia terra
Mi manca quando parto
Porto una cartolina di riserva

Questo posto non deve morire
La mia gente non deve partire
Il mio accento si deve sentire

La strage dei rifiuti
L’aumento dei tumori
Noi siamo la terra del sole
Non la terra dei fuochi

Questa mattina per fortuna la storia è cambiata
Vedo la gente che sorride spensierata
Non esiste cattiveria
Si sta bene in strada
Il mondo si è fermato
In questa splendida giornata

E’ nu juorno buono
stammatin’ m’a scettat’ o’ sol
l’odor do’ cafè
o’ stereo ppe’ canzone
a’ quantu tiemp’ cche nun stev’ accussì
ogni cosa accumenc’ m’addà fnni’
nun me manc nient’
stamattin nu me manc’ nient
abbraccia a’ Gabriellin
cche s’addorm n’gopp o’ liett’

nun sap’ e’ prublem
nun sap’ che a vita dolce poi t’avvelen
nu bac’ a’ mamma mij
a’ già funnut e’ fà e serviz’
a’ principess rint’ a miserja
ha mis o’ munn stu scugnizz
m’ha mbarat’ a piccolin
ca’ nu suonn’ se realizz’
te cancellass’ tutte e’ rughe
e’ eccose triste

Dimentica di andare fuori per lavoro
Le nuove aziende fioriranno nel tuo territorio
Dimentica le banche, li presteremo noi a loro
Zero padrone, gli ruberemo il trono

Non c’è la fila allo sportello
E’ come se tifi un’altra squadra
Sei lo stesso mio fratello
Fratello Amore

Invece di impugnare quel coltello
La violenza è stata sempre il metodo di chi non ha cervello
Tagliate quella linea che divide nord e sud
Guardo il cielo per cercare chi purtroppo non c’è più

Nu Juorno buono anche per loro
E son sicuro che un sorriso l’ho strappato
Anche a voi lassù

E’ nu juorno buono
stammatin’ m’a scettat’ o’ sol
l’odor do’ cafè
o’ stereo ppe’ canzone
a’ quantu tiemp’ cche nun stev’ accussì
ogni cosa accumenc’ m’addà fnni’
nun me manc nient’
stamattin nu me manc’ nient
abbraccia a’ Gabriellin’
cche s’addorm n’gopp o’ liett’

nun sap’ e’ prublem
nun sap’ che a vita dolce poi t’avvelen
nu bac’ a’ mamma mij
a’ già funnut e’ fà e serviz’
a’ principess rint’ a miserja
ha mis o’ munn stu scugnizz
m’ha mbarat’ a piccolin
ca’ nu suonn’ se realizz’
te cancellass’ tutte e’ rughe
e’ eccose trist.