Melissa P. il film più brutto del terzo millennio

Pubblicato da Fulvia Leopardi Martedì 19 giugno 2007

Probabilmente la vera Melissa P. aveva già fiutato l’aria che tirava quando, dopo aver ceduto i diritti a Francesca Neri aveva “scomunicato” la sceneggiatura della pellicola (scritta dal regista Luca Guadagnino insieme a Barbara Alberti e Cristina Farina), considerandola un “tradimento” della sua opera. Ma adesso arriva la conferma: il 31% dei navigatori sul sito cinemotoreonline.net ha decretato che la pellicola interpretata da Maria Valverde è il film più brutto del terzo millennio.
Al secondo posto con il 24% delle “preferenze” si piazza “Olé”, cinepanettone di Carlo Vanzina, noto più per essere la prima pellicola natalizia in cui Massimo Boldi torna a recitare senza Christian De Sica (anche se visto il floppone non è escluso un ritorno alle origini) che per altri motivi. Ultimo posto sul podio anche per una ‘creatura’ di Maria De Filippi: Kleidi Kadiu e il suo film di debutto, “Passo a due” sono stati stroncati dal 16% dei votanti. Quarto posto per “The Clan”, film risalente al 2005 di e con Christian De Sica (assieme a Paolo Conticini, Sebastien Torkia, Andrea Osvart) e “Mare Nero”, film drammatico di Roberta Torre, con Luigi Lo Cascio e Anna Mouglalis.
E anche se è ancora troppo presto per dichiarare Melissa P. film più brutto del terzo millennio, chissà se i cineinternauti hanno mai visto “Troppo Belli” con Costantino Vitagliano e Daniele Interrante…