Marco Liorni e quell’evento che l’ha segnato: “Davanti ad una Chiesa…”

Giulia Tolace
  • Esperta di Amici e Verissimo
  • Autrice di fiction italiane, serie francesi e turche
11/06/2022
Marco Liorni e quell’evento che l’ha segnato: “Davanti ad una Chiesa…”

Il conduttore ricorda quel momento come fosse oggi: “Ho detto a me stesso di abbandonare le paure”

Dopo una stagione intensa e sempre garanzia di successo di ItaliaSì Marco Liorni è ritornato nel prime time estivo con l’immancabile Reazione a catena. Sono anni ormai che il conduttore di Rai1 è diventato un volto fidato dell’azienda ma soprattutto dei telespettatori che lo ammirano molto. E se è vero che adesso Liorni è in pace con se stesso non sempre è stato così. Intervistato infatti dal settimanale Tele Sette Marco ammette che c’è stato un momento nella vita in cui ha voluto cambiare qualcosa di se stesso. “E’ successo davanti alla Chiesa di Sant’Antonio, al Don Orione, a Roma, parecchi anni fa, prima del 2000” racconta il conduttore. Qui Marco ha capito che era arrivato il momento di abbandonare gli eccessivi timori e “abbandonare le paure” che lo attanagliavano. Voleva lasciarsi andare, rischiare e giocare la partita della sua vita.

La grande emozione del ritorno di Reazione a catena: “E’ come quando riapri la casa delle vacanze”

Sono ben sedici edizioni che il fortunato programma di Rai1 va in onda e quattro quelle condotte da Marco Liorni con grandissimo successo e ottimi ascolti. Per il conduttore anche quest’anno il ritorno al timone del programma è stato una sensazione bellissima. E aggiunge: “E’ come quando riapri la casa delle vacanze”. Tra le cose più belle c’è stato il riappropriarsi degli spazi ormai fin troppo conosciuti e il ritrovare le persone che ogni anno lavorano dietro le quinte. E poi c’è la magia di Napoli come sfondo che rende tutto incredibilmente magico. E poco importa se con questo impegno Liorni dovrà rinunciare alle vacanze, troverà comunque il modo per raggiungere qualche giorno Roma e godersi la famiglia.

Marco Liorni ne è sicuro: “Con un format come questo il rischio di ripetitività non esiste”

Dopo aver raccontato il dolore per la morte del padre il conduttore ha ripreso subito il sorriso. Lo stesso che sfoggia ogni sera a Reazione a catena e che per il pubblico è rassicurante. Per quanto riguarda il format qualcuno dopo tanti anni potrebbe chiedersi se ci saranno grandi novità e sorprese. A tal proposito il conduttore dice: “Con un format come questo il rischio della ripetitività non esiste”. Poi Liorni conclude spiegando che ogni persona che partecipa al programma ha la sua storia e il suo mondo sempre diverso da far conoscere al pubblico.