Maldestro a Sanremo 2017 con Canzone per Federica: il testo della canzone

Pubblicato da Eva Cabras Martedì 20 dicembre 2016

A Sanremo 2017 partecipa il ventottenne cantautore partenopeo Maldestro, che salirà sul palco del Teatro Ariston e gareggerà nella sezione Nuove Proposte con il brano Canzone per Federica. Dietro il nome d’arte si cela Antonio Prestieri, figlio di un noto boss della malavita napoletana, che attraverso le canzoni e il teatro per la legalità dimostra che non sempre vengono seguite le orme del padre. Dopo diversi riconoscimenti, come il Premio Ciampi e il Premio De André, Maldestro sbarca a Sanremo 2017 con l’inedito Canzone per Federica.

SCOPRI TUTTI I CANTANTI DELLA SEZIONE NUOVE PROPOSTE DI SANREMO 2017

La canzone di Maldestro è stata selezionata a Sarà Sanremo, la serata introduttiva al Festival, andata in onda il 12 dicembre 2017, durante la quale sono stati individuati gli 8 finalisti delle Nuove Proposte. L’appuntamento con i Giovani di Sanremo 2017 è dal 7 all’11 febbraio, sul palco del Teatro Ariston, dove si esibirà anche Maldestro con la sua Canzone per Federica.

SARA’ SANREMO, TUTTI I BIG ANNUNCIATI E LE NUOVE PROPOSTE DEL FESTIVAL

Maldestro a Sanremo 2017 con Canzone per Federica: il testo della canzone

Sarà che un giorno si brucia
come si brucia la vita
sarà che il tempo lo conti
appoggiando il naso alle dita

Sarà la legge complessa
di questa immensa natura
sarà la forza di piangere
non lasciarti da sola

Sarà che ogni caduta
è l’inizio di un altro volo
sarà che il meglio di vivere
lo trovi in un uomo solo

Sarà che siamo creature
fatte di polveri e inganni
per correggerci il cuore
non basteranno questi anni

Sarà quest’ansia da studio
a farti odiare il mattino
sarà il silenzio di un padre
a farti amare un bambino

Sarà il tuo libero arbitrio
a incasinarti l’umore
sarà che siamo architetti
del nostro stesso dolore

Sarà un tuo vecchio nemico
il tuo più intimo amico
sarà l’assenza di Dio
a portarti verso il tuo io

Sarà un tiro di erba
a farti stare una merda
quando ti scoppia la testa
e vuoi lasciare la festa

Ma tu, cammina, cammina
accumula strade
lasciando che tutto
si muova

Ma tu, respira, respira
non chiudere gli occhi
se il buio della notte
ti trova

Sarà che un fiore resiste
il tempo di una stagione
sarà che a volte un abbraccio
lo trovi in una canzone

Sarà la noia degli amici
di qualche sabato sera
sarà la mamma in cucina
che non è più come allora

Sarà ogni porta che chiudi
a mescolarti le carte
sarà che quando vuoi andare
la moto è ferma e non parte

Sarà che una risposta
la trovi dentro a uno sguardo
che un incontro perfetto
è frutto di un ritardo

Ma tu, cammina, cammina
accumula strade
lasciando che tutto
si muova

Ma tu, respira, respira
non chiudere gli occhi
se il buio della notte
ti trova

Balla, da sola oppure in mezzo alla gente
e canta, perché nessuno ti tolga niente
Ma tu, cammina, cammina
accumula strade
lasciando che tutto
si muova

Sarà che un giorno si brucia
come si brucia la vita
sarà che il tempo lo conti
appoggiando il naso alle dita

Sarà la legge complessa
di questa immensa natura
sarà la forza di piangere.

SCOPRI I 22 BIG IN GARA AL FESTIVAL DI SANREMO 2017