Lol-Chi ride è fuori, arriva la seconda stagione: parlano tutti i protagonisti

Vincenzo Pennisi
    Autore e giornalista esperto di sport, Festival di Sanremo e Grande Fratello Vip
15/02/2022
Lol-Chi ride è fuori, arriva la seconda stagione: parlano tutti i protagonisti

Lol-Chi ride è fuori 2, Diana Del Bufalo ammette le difficoltà: le sue parole

Pronti, partenza, quasi via. Lol-Chi ride è fuori scalda i motori e dopo il successo travolgente della prima edizione, andata in onda su Amazon Prime Video, si prepara alla seconda edizione, in partenza il prossimo 24 febbraio. Oggi si è tenuta la consueta conferenza stampa di presentazione del programma e i protagonisti della nuova edizione si sono lasciati andare ad anticipazioni, sensazioni e il racconto della bella ma tosta esperienza. Diana Del Bufalo, tra i volti più noti della nuova edizione di Lol-Chi ride è fuori, ha ammesso di aver incontrato delle problematiche nel corso del format in cui perde chi ride:

Per me, è stato difficile restare seria, io non faccio ridere. Volevo fare il personaggio di un ballerino, il ballerino Bringo, però non ho potuto farlo perché è un personaggio che ride

le parole della stimata attrice riprese da Blogo.

Lol-Chi ride è fuori, Fedez rivela: “Ecco quali saranno le differenze con la prima edizione”

Nella nuova edizione di Lol-Chi ride è fuori si riparte da una certezza: Fedez al timone del programma. Al suo fianco non ci sarà più Mara Maionchi ma Frank Matano, uno dei protagonisti della stagione d’esordio. L’artista e imprenditore è intervenuto nella conferenza di presentazione di Lol 2, anticipando le differenze e le novità: “La differenza tra la prima e la seconda edizione è che, durante la prima, eravamo completamente inconsapevoli di quello che stavamo facendo, non capivo dove stavamo andando a parare” – ha ammesso Fedez – .

Lol 2, il ritorno di Frank Matano: “Seconda edizione? Non saremo influenzati”

Come spiegato anche nelle righe precedenti Frank Matano sarà ancora tra i protagonisti di Lol-Chi ride è fuori, anche se questa volta dall’altra stanza, quella di conduzione: “Il vantaggio di una seconda edizione è quello di parare il tiro rispetto alla prima, senza, però, esserne influenzati” – ha spiegato il comico nella conferenza odierna – .