go

Italian Job, un viaggio nell’Italia dei furbetti e degli opportunisti

Italian Job, un viaggio nell'Italia dei furbetti e degli opportunisti

Pubblicato da Giorgia Iovane Martedì 19 febbraio 2008

E’ andata in onda domenica 17 febbraio su La7 la prima puntata di Italian Job, una sorta di inchiesta tra il reality e la candid camera volta a smascherare i tanti episodi di piccole furbizie e grandi imbrogli che si consumano quotidianamente nel nostro Paese.

Travestito nelle fogge più impensate, l’attore Paolo Calabresi si è infiltrato nei più disparati ambienti per mettere alla prova l’onestà e la moralità di politici, religiosi, personaggi dello show business, con risultati a volta davvero inattesi. In alto il promo.

L’idea è semplice e apparentemente cattiva: travestirsi, agganciare un personaggio di spicco (o con mansioni di responsabilità), lanciare l’amo e “vedere di nascosto l’effetto che fa” per dirla alla Jannacci. Un’idea nata dall’attore Paolo Calabresi che otto anni fa finse di essere Nicholas Cage per poter recuperare i biglietti per una partita del Milan: le conseguenze le racconta lui stesso nel video in basso.

La notizia della presenza di Nicholas Cage fu raccolta immediatamente dalla stampa e dai media che dettero ampio risalto all’avvenimento. Nel video in basso un estratto di Matrix che poco tempo fa dedicò una puntata proprio a Calabresi e alla sua “carriera”.

https://youtube.com/watch?v=fHuM2j2VfCI%26rel%3D1

Come non trarre da utto questo un format tv? Per questo Calabresi, aiutato da un team di gionalisti, ha girato per 6 mesi l’Italia in lungo e in largo entrando in contatto con autorità e personaggi di scarso rilievo per cercare di fare affari, indurli in tentazione, scoprire le loro malefatte: il risultato di questi “trappoloni” viene poi commentato da servizi e approfondimenti giornalistici.

Italian Job, scritto da Paolo Calabresi, Dario Quarta e Giovanni Filippetto, andrà in onda per altre tre settimane la domenica alle 21.35 sempre su La7. Da non perdere.