Isola dei Famosi 8, la sorpresa Abigail Balotelli

Pubblicato da alexpara Giovedì 24 febbraio 2011

La seconda puntata dell’Isola dei Famosi 8, il reality show di RaiDue ci ha regalato ben poche gioie, ma una sì, Abigail. La sorellina di Balotelli è una vera sorpresa. Partita in sordina e con un leggero alone di superbia mista ad antipatia, si è rivelata, giorno dopo giorno, uno degli elementi migliori del programma. Lei spesso sta in disparte, ma non si tira indietro se i compagni la chiamano per il lavoro, è leale, dolce ha quell’accento nordico che potrebbe risultare fastidioso, ma che a lei conferisce un’aria leggera.

Ieri sera, nel vederla piangere all’uscita di Francesca De Andrè, si è capito quanto in realtà sia fragile. Ma il momento più divertente e al tempo stesso più tenero, Abigail lo ha dato nel day time mentre prendeva lezioni di nuoto con Walter Garibaldi e Francesco Mogol. Un momento di dolcezza, se ci si affranca dal fatto che stiamo parlando di reality e quindi è d’obbligo anche pensare che non ci sia nulla di reale.

La storia in sé sa già di surreale, una giovane e bella ragazza, decide di partecipare ad un reality, ma non ad uno qualsiasi, ad uno in cui saper nuotare è elemento indispensabile, ma lei non sa nuotare. E allora cosa fa, desiste? E perché mai, tanto sull’Isola mica bisogna vincere una gara di nuoto. E poi, avrà pensato, qualcuno che mi insegnerà a nuotare lo troverò. Ed in effetti, così è stato.

Non ha trovato un volontario, ma due, quindi problema risolto. In confessionale ha poi dichiarato, quasi disperata, che quello è da sempre un suo problema, un cruccio che si porta dietro da quando era piccola. Ed ecco che l’Isola diventa quasi terapeutica.

Insomma, Abigail si è conquistata la nostra simpatia per questo suo modo di fare ai limiti della realtà, ma con una vena di infinita tenerezza e di spontaneità che la mettono al di sopra delle altre naufraghe famose, tutte troppo prese a farsi inquadrare ognuna il lato più giusto che difficilmente è la faccia.

Abigail è bella ma sull’Isola non ne fa una bandiera, quindi per questo, e perché non si vergogna di chiedere ai suoi compagni di insegnarle a nuotare, ci piace. E ci piacciono tutti i parenti di che hanno capito molto più dei famosi lo spirito del gioco.