Isabella Ferrari e il dramma dell’aborto: “Ci ripenso con dolore, ma…”

Raffaele Ciniglio Ainis
  • Esperto di Grande Fratello Vip, Amici e Uomini e Donne
29/06/2022
Isabella Ferrari e il dramma dell’aborto: “Ci ripenso con dolore, ma…”

Isabella Ferrari ripensa al tema dell’aborto: il suo doloroso racconto

Isabella Ferrari è, oltre che un’attrice straordinaria, anche una donna estremamente forte apprezzata. Intervistata dal Corriere della Sera, l’attrice ha toccato molti temi sia professionali che umani tra cui il delicato tema dell’aborto. Negli ultimi giorni si fa infatti un gran parlare circa la possibilità di abortire, in particolare dopo il nuovo decreto degli Stati Uniti che lascia ai singoli Stati la possibilità di regolarsi e dunque limitando in parte una libertà. Isabella ha vissuto sulla propria pelle il dolore di una decisione così difficile, e infatti si è espressa durante la sua intervista proprio in tal senso: “Mi è capitato da ragazza…Ci ripenso con dolore, ma senza sensi di colpa. Prima della vita di un embrione viene la vita della donna. Io sono per quella libertà”

Isabella Ferrari racconta il motivo dell’aborto: una scelta che non rimpiange

Come raccontato da lei stessa, la decisione di abortire è stata dolorosa ma non l’ha mai portata a pentirsi. L’episodio in cui Isabella Ferrari  ha abortito risale a quando aveva 17 anni e divenne gravida da minorenne. A portarla all’aborto, ha spiegato, fu la consapevolezza che il fidanzato dell’epoca, di Piacenza, non potesse essere la persona della sua vita e che per questo una decisione simile, seppur sofferta andava presa. Ad aiutarla nel percorso, ha raccontato, fu la madre, a cui ha dedicato un ampio ringraziamento spiegando che senza di lei non sarebbe riuscita ad affrontare così bene la situazione, poichè non sapeva come fare. L’aborto, ha poi ribadito, è una decisione che coinvolge il corpo e la vita di una donna e che per questo va lasciata la libertà.

La prevaricazione maschile e come lo ha superato: Isabella Ferrari lo racconta

Isabella Ferrari ha poi raccontato un altro tema che spesso coinvolge l’universo femminile: quello della prevaricazione maschile. La sua carriera da attrice, ha raccontato, è passata anche per episodi impattanti e di difficile comunicazione con gli uomini del suo settore. Una critica, però, non l’ha risparmiata anche al genere femminile spiegando che lei non ha mai tollerato l’idea che una donna arriva a denunciare 20 anni dopo aver subito una violenza o presunta tale. Il movimento Metoo, nato proprio con l’obiettivo di aiutare le donne in tal senso, è servito moltissimo anche all’attrice per superare le difficoltà.