GF 11, il papà di Guenda: “Per il bene di Gaia basta polemiche”

Pubblicato da ChiaraL Sabato 22 gennaio 2011

GF 11, il papà di Guenda: “Per il bene di Gaia basta polemiche”

Qualche settimana fa vi avevamo pubblicato una notizia in cui si parlava di Remo, l’ex compagno e il papà della bimba di Guendalina Tavassi, la più chiassosa e simpatica fra i concorrenti del Grande Fratello. Remo, che aveva anche provato a partecipare al reality, aveva denunciato la mamma romana per abbandono di minore. E a questa denuncia ha risposto nelle pagine di Visto il papà di Guenda, Luciano. Il signor Tavassi ha scelto lo stesso settimanale che aveva pubblicato la notizia di Remo.

Ecco la risposta del papà di Guendalina: “Credo che Remo vada solo in cerca di popolarità ma così mette a repentaglio la serenità di mia nipote”. Così il padre della gieffina ha reagito alla dichiarazione dell’ex compagno della figlia che ha affermato che Guendalina andando al Grande Fratello ha abbandonato Gaia. Luciano Tavassi non ha gradito che Remo abbia utilizzato la piccola Gaia per farsi popolarità: “Prima dice che Guendalina andando al GF avrebbe abbandonato Gaia e poi vuole partecipare anche lui. Ma il vero problema sono i suoi familiari che stanno alimentando una polemica di basso livello”. Per ottenere la fama Remo “strumentalizza un’innocente” e Luciano e l’ex moglie Emanuela non intendono più ricevere “comunicazioni” dalla famiglia di Remo che utilizza spesso Facebook per manifestare il suo punto di vista: “Abbassiamo i toni e pensiamo al bene di Gaia.

Intanto Guendalina nella casa ha risposto alla sua maniera al video messaggio inviato agli altri concorrenti da Giuliano. Tutti hanno reagito in modo divertito al rvm dell’ex gigolò. L’unica toccata dal messaggio sembra Margherita definita dall’eliminato come “senza carattere“. Secondo la speaker lei non è la pedina di Guendalina, ma non ha gradito questa critica del comasco. Angelica e Ferdinando, invece, si aspettavano di peggio. A questo punto Guendalina ha la sua reazione e inneggia un coretto contro Giuliano: “Stai a rosicà, noi stamo qua, te sei andato là!. Il tutto accompagnato da un gestaccio.