Flavio Insinna non nasconde il suo sogno: cosa farebbe se non fosse conduttore

Marinella Aiello
  • Esperta di Grande Fratello, Reality Show
  • Autrice di gossip e personaggi tv
30/12/2021
Flavio Insinna non nasconde il suo sogno: cosa farebbe se non fosse conduttore

Flavio Insinna e la sua vita privata: ecco perché non parla mai dei suoi affetti

Di lui siamo stati sempre abituati a vedere il lato professionale, comico e familiare con il quale si è fatto conoscere in questi anni, molto meno si sa del suo privato. Stiamo parlando di Flavio Insinna, che si è raccontato in un’intervista a cuore aperto al settimanale Oggi e per la prima volta ha parlato della sua fidanzata Adriana Riccio e dei progetti che aveva quando ancora non immaginava una vita nello spettacolo. Finora ha mantenuto il massimo riserbo perché sostiene che “gli amori si vivono, non si raccontano”.

L’Eredità, Flavio Insinna e la fidanzata Adriana Riccio insieme dopo essersi conosciuti in Rai nel 2016

Non si sono conosciuti sul set de L’Eredità bensì durante la trasmissione Affari tuoi nel 2016. Adriana Riccio partecipava in veste di concorrente e rappresentava la sua regione, il Veneto. Tra il conduttore Flavio Insinna e la sua attuale fidanzata è scattato un colpo di fulmine che quasi 6 anni dopo li vede ancora protagonisti di una storia d’amore vissuta nel massimo riserbo.

Flavio Insinna, da L’Eredità alla carriera medica

Il conduttore de L’Eredità ha sempre ammesso di essere una persona che pretende molto da se stesso, che ancora oggi prova ansia e timore fino ad un secondo prima di entrare in scena, si tratti di teatro, cinema o tv. Se non facesse il conduttore non ha dubbi: “Farei il medico come mio padre (…) Mi prenderei cura degli altri in un piccolo posto di mare”. Un’affermazione coerente con quello che più spaventa Flavio Insinna, che confessa una delle sue paure più grandi legate al suo lavoro: “Il mio timore è pensare solo a me stesso”. Teme che il mondo dello spettacolo lo porti a perdersi nella vanità e nell’egocentrismo, così come è facile anche perdersi dopo un insuccesso. Dopo queste sue dichiarazioni non stupisce che abbia scritto un libro, “Il gatto del Papa”, il cui ricavato verrà devoluto interamente a Emergency.