E’ morto Oreste Lionello

Pubblicato da Giorgia Iovane Giovedì 19 febbraio 2009

E’ morto Oreste Lionello

Dopo una lunga malattia è morto a Roma Oreste Lionello. Aveva 81 anni. La famiglia ha richiesto di allestire una camera ardente al Campidoglio.

Oreste Lionello è (stato) di certo un personaggio conosciuto e amato dal grande pubblico televisivo al quale ha regalato per decenni la sua maestria da cabarettista legato alle atmosfere e ai meccanismi della rivista e del varietà classico.

Nato a Rodi, in Grecia, il 18 aprile 1927 ha inziato la sua carriera all’inizio degli anni Cinquanta come autore e interprete comico in teatro e come doppiatore al cinema, che gli daranno popolarità. All’inizio degli anni Settanta crea con gli amici Castellacci, Pingitore, Cirri e Palumbo la compagnia del Bagaglino da cui usciranno comici poi celebri, da Pippo Franco a Enrico Montesano, da Pino Caruso a Gianfranco D’Angelo. Dopo pochi anni il Bagaglino approda in tv prima in Rai, con Dove sta zazà (1973), Mazzabubù (1975), Il ribaltone (1976), Al Paradise (1983), e poi a Mediaset, con tutta la serie degli show destinati per lo più al sabato sera.

La chiave del Bagaglino resta, come detto, quella del cabaret e del varietà, con un tocco di satira politica, fatta di maschere, parodie, caricature, imitazioni e battute ispirate ad un certo ‘qualunquismo’ vicino alla gente comune che li ha seguiti con affetto per decenni. Resta insuperato il Giulio Andreotti interpretato da Lionello e che lo accompagnato per tutta la sua carriera.

Ma non si può dimenticare la sua ‘parallela’ carriera di doppiatore: perfetta controparte italiane di Woody Allen, Lionello ha prestato la voce a Jerry Lewis, Peter Sellers, Charlie Chaplin (Il grande dittatore) e Marty Feldman e Michel Serrault nella trilogia del Vizietto.

Sappiamo che suona retorico, ma Lionello ci mancherà.