Diodato al Festival di Sanremo 2014 con Babilonia: scheda e testo della canzone

Pubblicato da Fulvia Leopardi Mercoledì 1 gennaio 2014

Diodato al Festival di Sanremo 2014 con Babilonia: scheda e testo della canzone

Tra le otto Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2014 – cui aspiravano molti ex talent – tutta particolare è la storia di Diodato, che sul palco dell’Ariston presenterà Babilonia: scoprite insieme con noi – grazie al sito della Rai – la storia di questo giovane artista e il testo della sua canzone.

Avvicinatosi al mondo della musica grazie allo studio del violino (abbandonato), Antonio Diodato comincia a suonare a tredici anni in una band composta da amici e vicini di casa; nel 2001 l’esperienza in terra straniera: il nostro vola a Stoccolma, dove collabora alla realizzazione di un brano per Beirut Café 2, una compilation lounge distribuita in tutto il mondo.

Tornato in Italia, Diodato si laurea in Cinema al DAMS di Roma, ma continua a ‘lavorare’ nel campo musicale esibendosi con diverse band in centinaia di live: nel 2007 registra un EP autoprodotto che presenta al MEI di Faenza, mentre nel 2010 incide un singolo dal titolo ‘Ancora Un Brivido‘ che riscuote un discreto successo entrando nella programmazione di alcune piccole radio italiane ed emittenti televisive.

Proprio grazie a questa canzone conosce Daniele Tortora, produttore romano e già collaboratore di- tra gli altri – Afterhours, Roberto Angelini e Niccolò Fabi; con lui lavorerà al disco, uscito nel 2013, ‘E forse sono pazzo‘, che lo farà conoscere a programmi radio di un certo peso (soprattutto del circuito Rai) anche grazie ad ‘Ubriaco‘, il primo singolo video che accompagna il disco. (Continua dopo il video)

Molte esibizioni live, il culmine con l’apertura del concerto Rock in Roma con Daniele Silvestri; la sua rivisitazione rock di ‘Amore che vieni, amore che vai‘ di Fabrizio De Andrè non solo riesce a sfondare su tutte le emittenti nazionali, ma è scelta da Daniele Luchetti per il suo Anni felici con Kim Rossi Stuart e Micaela Ramazzotti. (Continua dopo il video)

Ispirato dal pop rock inglese, a partire dai Beatles, fino ai Radiohead e all’hip hop degli anni Novanta – i cantautori italiani, come confessava in questa intervista, li ha scoperti più tardi – Diodato è stato scelto tra le Nuove Proposte di Sanremo 2014 con il singolo Babilonia. Di seguito il testo, mentre il video è reperibile nel sito della Rai.

Cado e tu
Tu vieni a riprendermi
Sapessi cos’è un’anima
Saprei che cosa venderti

Cado e tu
Tu mi porti ancora più giù
Sei specchio dei miei limiti
Dei miei talenti inutili

Ogni volta poi sai sorprendermi
Sei ogni cosa intorno
E poi non ci sei più
Non ci sei

Io non lo so come fai a sbattermi così
Che certi giorni ho il cuore nero
Sembra sempre lunedì
E la notte ha mille sguardi che si nutrono di me
Poi la luce li cancella e io ritorno a credere
Che è possibile ogni cosa, questa sana follia
Sia capace di mostrarmi
Mi basta mi porti via, qui, dall’assurda e inutile Babilonia
Babilonia

Cado e tu
Tu mi porti ancora più giù
In questi abissi gelidi
Respiro sogni liquidi

Ma ogni volta poi sai sorprendermi
Quando penso di toccare il fondo
Mi riporti su, mi riporti su, mi riporti su

Io non lo so come fai a sbattermi così
Che certi giorni ho il cuore nero
Sembra sempre lunedì
E la notte ha mille sguardi che si nutrono di me
Poi la luce li cancella ed io ritorno a credere
Sia possibile ogni cosa, questa sana follia
Sia capace di mostrarmi
Mi basta mi porti via, da qui, dall’assurda e inutile Babilonia
Babilonia

Babilonia, Babilonia