Chiara Ferragni indagata, spuntano nuove accuse: Selvaggia Lucarelli la smaschera

Vincenzo Pennisi
    Autore e giornalista esperto di sport, Festival di Sanremo e Grande Fratello Vip, fiction italiane
09/01/2024
Chiara Ferragni indagata, spuntano nuove accuse: Selvaggia Lucarelli la smaschera

Chiara Ferragni, non solo il caso Balocco: finiscono nel mirino altre operazioni

Chiara Ferragni continua a dormire sogni poco tranquilli. Dopo il recente scandalo Balocco che ha travolto l’influencer, oltre a quello delle Uova di Pasqua, sembrano esserci altre operazioni che necessitano delucidazioni. Ma oltre alle uova di Pasqua, ci sarebbero altre situazioni in cui l’imprenditrice sembra aver confuso operazioni di marketing e benefiche. Situazioni, che come sottolinea Open, “potrebbero togliere il velo su quello che sembra più un sistema collaudato che un «errore di comunicazione»”. La prima situazione in questione riguarda da vicino la bambola Trudi. Gli altri, sottolinea oggi Selvaggia Lucarelli sul Fatto Quotidiano, riguardano i biscotti Oreo e la linea brandizzata risalente al 2020. E poi una vendita di abbigliamento usato della Ferragni sulla piattaforma di compravendita chiamata Wallapop. Queste si aggiungerebbero all’intenzione di regalare un’incubatrice all’ospedale Buzzi di Milano, struttura presso la quale era stata ricoverata nel 2021 sua figlia Vittoria per un virus.

Chiara Ferragni rischia ancora? L’influencer avrà tempo di fornire delle spiegazioni

Queste operazioni citate da Selvaggia Lucarelli sul Fatto Quotidiano ovviamente necessitano di approfondimenti. È doveroso evidenziare che le accuse dovranno ancora essere sottoposte al vaglio di un giudice e che siamo solamente alle battute iniziali dell’indagine. L’imprenditrice e moglie di Fedez avrà a disposizione tutto il tempo assicuratole dalla legge per fornire le sue spiegazioni. Per quanto riguarda il caso Oreo, l’accordo per la linea di biscotti sponsorizzata risale al marzo del 2020, periodo in cui è esplosa la pandemia in Italia.Pochi giorni dopo la stessa Chiara Ferragni ha annunciato che avrebbe devoluto il 100% dei ricavi di una vendita di vestiti usati a un’iniziativa contro Covid-19. Poi la collezione è terminata negli scaffali dei supermercati con prezzi salati. Ma nella foto promozionale di una collezione di abiti proprio per Oreo l’influencer si è mostrata con anche i biscotti in mano.

Gli altri casi finiti nel mirino

Non è finita qui. Tra i movimenti sospetti di Chiara Ferragni, recentemente finita ancora in pasto ai social, come riportato da Il Fatto Quotidiano, ci sarebbe anche la questione incubatrice. Dopo il ricovero di Vittoria all’ospedale Buzzi per un virus Ferragni pubblica una foto della bambina, dove ha sfoggiato i gioielli della sua linea. Quando arrivano le critiche di qualche follower, l’imprenditrice ha rivelato di voler devolvere i ricavi di una vendita di vestiti usati per regalare all’ospedale una nuova incubatrice. Ma la vendita si è poi svolta su Wallapop. Nel frattempo, dopo la burrasca, è arrivata la notizia dell’avvenuta donazione di un milione di Euro della Ferragni all’Ospedale Regina Margherita.