Zelig, la chiusura è una bufala: per Gino e Michele si è fatto un funerale senza cadavere

Zelig, la chiusura è una bufala: per Gino e Michele si è fatto un funerale senza cadavere

Secondo gli autori del programma, l'equivoco è nato dalle parole di Pier Silvio Berlusconi

da in Canale 5, Programmi TV, Zelig
    Zelig, la chiusura è una bufala: per Gino e Michele si è fatto un funerale senza cadavere

    Niente chiusura per Zelig, ma un funerale senza cadavere sì. Gli autori storici Gino e Michele commentano così la prematura dipartita del programma comico Mediaset, in onda su Canale 5 (e, prima ancora, su Italia 1) da ben 18 anni. Le due menti di Zelig ne parlano in un’intervista e ne annunciano il ritorno. Sospeso, dicono, ma non cancellato. Quindi si rifà tutto e, in ballo, c’è una nuova edizione da ripensare, per la quale a breve arriveranno news ufficiali.

    Niente chiusura per Zelig, anzi torna. La smentita secca, nel senso di determinata, ma anche di iniziativa che si arena per un po’, arriva dagli autori storici della trasmissione televisiva comica, Gino e Michele. I Nostri hanno rilasciato un’intervista a La Stampa. Il giornale li ricorda per le idee di Drive In (1983-88) e di Emilio (1989-90), ma torna anche e giustamente sullo strano caso di Zelig.

    Dopo mesi e mesi di silenzio, a tuonare sono proprio i fondatori del programma, venuto alla luce ormai quasi vent’anni fa, nel 1997. Quindi, Gino e Michele smentiscono categoricamente la chiusura del programma comico, anche perché l’equivoco sarebbe nato dalle parole del vice-presidente Mediaset durante la presentazione dei palinsesti del Biscione:

    Sono state dette molte inesattezzafanno saperedopo una frase di Pier Silvio Berlusconi che aveva detto che Zelig sarebbe stato sospeso per un po’. Mai detto sempre, o chiuso.

    Noi – concludono – avevamo scelto di darci dei tempi lunghi per pensarne la prossima edizione. Qualcuno ha fatto il funerale a un cadavere che non c’era’.

    L’ultima edizione, la diciottesima, ha visto, invece, una simpatica novità: la rotazione di conduttori Vip al timone dl programma. Un’idea che, ascolti alla mano, non si è rivelata troppo produttiva, forse per gli abbinamenti tra presentatori non sempre così azzeccati o per mancanza di legame quasi mai facilmente percettibile tra i momenti di conduzione e quelli di comicità, ma, un’eccezione, in tal senso, forse merita di essere ricordata: Ilary Blasi che, dalle sue care Iene, l’anno scorso è sbarcata su Canale5 per condurre una puntata di Zelig insieme a Ficarra e Picone, e, l’effetto finale, non è poi parso così male.

    Ora, Gino e Michele ci fanno sapere di dover ripensare l’intero programma. Noi pensiamo che sia pur ora di intercettare modernità e processi di senso compiuto in un programma storico che, però, in troppe circostanze, ha forse preferito l’accozzaglia tra break comici ad una valida scrittura, la quale, fino a prova contraria, dovrebbe essere un cavallo di battaglia da quelle parti.

    600

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Canale 5Programmi TVZelig
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI