Zecchino d’oro, la mitica ’44 gatti’ compie 44 anni

Zecchino d’oro, la mitica ’44 gatti’ compie 44 anni

Quarantaquattro gatti compie 44 anni, la mitica canzone che vinse lo Zecchino d’Oro il 19 marzo del 1968. Le avventure dei gatti ribelli cantate dalla piccola bimba di Gorizia Barbara Ferigo sono una delle canzone più amate dagli italiani di ogni età. Quello di oggi è però un doppio anniversario visto che si celebrano gli 88 anni del suo autore Giuseppe Casarini. La sua città, Modena, ha deciso di celebrarlo e anche noi gli auguriamo 100 di questi gatti! In apertura la mitica esibizione di Barbara Ferigo.

Quarantaquattro gatti del maestro Casarini definita dal libro Avantpop come ‘l’unica canzone di protesta del ’68 che abbia avuto un successo duraturovinse la decima edizione dello Zecchino d’Oro battendo di una manciata di punti l’altresì mitica Torero Camomillo e in quell’anno partecipò anche una bimba bolognese che sarebbe diventata famosissima: Cristina D’Avena e il suo Valzer del Moscerino. Ecco il video della sua esibizione:

In occasione del quarantesimo anniversario di 44 gatti il maestro Casarini raccontò alla Stampa come nacque la canzone: ‘In quel periodo avevo smesso di suonare in giro e insegnavo educazione musicale alle scuole medie di Nonantola: mi venne prima il titolo, ispirato al numero di anni che stavo per compiere, 44, poi il testo, che scrissi in un paio di settimane, e infine, la musica, che composi in un quarto d’ora. Il contenuto della canzone invece viene dal mio grande amore per i gatti: andando a Roma da parenti, su un rudere vicino a piazza Esedra, c’erano questi gatti randagi a cui delle signore davano da mangiare. L’idea della canzone è nata così‘.

Prima di approdare al festival di musica per i più piccoli, Il maestro Casarini ha avuto una carriera artistica notevole suonando in Europa e arrivando addirittura a Calcutta. Ha scritto un centinaio di canzoni e il suo primo successo è stato Spirù: ma la fama arriva grazie a 44 felini: ‘Avevo letto il regolamento del concorso dello Zecchino d’Oro e decisi di tentare. Il titolo venne subito, invece sul testo ci ho pensato per 15 giorni. Ricordo che in piena notte ho svegliato mia moglie per chiederle: che ne dici di “in fila per 6 col resto di 2?” e lei mi ha risposto “te sei matto!”‘. La canzone batté di un solo voto il Torero Camomillo, il maestro riprovò a partecipare con un testo ispirato ai valori della famiglia, ma venne scartata ‘era il ’74, c’era il referendum sul divorzio‘. Vi lasciamo con il testo della mitica canzone:
Nella cantina di un palazzone
tutti i gattini senza padrone
organizzarono una riunione
per precisare la situazione.

Quarantaquattro gatti,
in fila per sei col resto di due,
si unirono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attorcigliate,
in fila per sei col resto di due.

Sei per sette quarantadue,
più due quarantaquattro!

Loro chiedevano a tutti i bambini,
che sono amici di tutti i gattini,
un pasto al giorno e all’occasione,
poter dormire sulle poltrone!

Quarantaquattro gatti,
in fila per sei col resto di due,
si unirono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attorcigliate,
in fila per sei col resto di due.

Sei per sette quarantadue,
più due quarantaquattro!

Naturalmente tutti i bambini
tutte le code potevan tirare
ogni momento e a loro piacere,
con tutti quanti giocherellare.

Quarantaquattro gatti,
in fila per sei col resto di due,
si unirono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attorcigliate,
in fila per sei col resto di due.

Sei per sette quarantadue,
più due quarantaquattro!

Quando alla fine della riunione
fu definita la situazione
andò in giardino tutto il plotone
di quei gattini senza padrone.

Quarantaquattro gatti,
in fila per sei col resto di due,
marciarono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code dritte dritte,
in fila per sei col resto di due.

Quarantaquattro gatti,
in fila per sei col resto di due,
marciarono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attrorcigliate,
in fila per sei col resto di due,
col resto di due.

794

Segui Televisionando

Lun 19/03/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici