Zac Efron diventa gay per “Factory Boys”

Zac Efron diventa gay per “Factory Boys”

Zac Efron sarà anche grato per tutte le porte che il successo di High School Musical gli ha aperto, ma sembra essere assai ansioso di ’sganciarsi’ dal personaggio di Troy Bolton

    zac efron

    Zac Efron sarà anche grato per tutte le porte che il successo di High School Musical gli ha aperto, ma sembra essere assai ansioso di ‘sganciarsi’ dal personaggio di Troy Bolton.

    Dopo aver recitato il ruolo di Link Larkin in Hairspray, ed aver ottenuto il ruolo di protagonista in Seventeen Again, dove interpreta la versione giovane di Matthew Perry, e in “Me and Orson Welles“, l’attore potrebbe diventare “doppiamente gay” per il film Factory Boys. La pellicola sarà diretta dal regista Steven Klein, ed Efron interpreterà i gemelli Robert e Richard Dupont, “concubini” di Andy Warhol (1928-1987), noto soprattutto per essere il più celebre esponente della Pop Art ma anche regista, produttore, scrittore: i due gemelli, per la cronaca, hanno già espresso il loro “gradimento” per la scelta di Efron quale protagonista. Il film trae spunto dall’articolo “Factory Boys“, pubblicato dal “New York Times” nell’ottobre del 2007, che indagava la relazione particolare tra il grande artista e i due fratelli, appena diciassettenni all’epoca dei fatti.

    “Rifiutavamo sempre quando Andy ci chiedeva di lasciarci filmare mentre facevamo sesso o posavamo nudi – ricorda Robert – diventerete famosi, diceva sempre, farò di voi delle star, gireremo un film”. Ancora non c’è nulla di ufficiale sulla partecipazione di Efron, ma il film promette di essere alquanto ‘pepato’: sempre nella famosa intervista, infatti, i due gemelli hanno rivelato la passione voujerista di Warhol, spiegando come “Andy amava il porno e amava le porno star. Ricordo che me ne presentarono due, diceva Richard, e Andy disse: tu e tuo fratello dovreste farlo con loro. Il solo pensiero di fare del sesso insieme a Robert, conclude Richard, nello stesso letto con mio fratello, mi disgustava”.

    349