Ylenia Citino da Uomini e Donne al libro con prefazione di Berlusconi

In questi giorni si parla molto dell'ex partecipante di Uomini e Donne Ylenia Citino, reduce dalla pubblicazione di un libro con prefazione di Silvio Berlusconi

da , il

    Ylenia Citino

    Guai a parlare di tronisti e corteggiatori di Uomini e Donne a Ylenia Citino, protagonista lo scorso anno della formula Ragazzi e Ragazze. Attiva militante del Pdl, la giovane laureata ha appena pubblicto un libro – Partiti a tutti i costi – con la prefazione di Silvio Berlusconi. Questo esordio col botto l’ha portata ad essere intervistata dal Fatto quotidiano ed a partecipare ieri sera al talk show di La7 Piazzapulita.

    Ylenia Citino è una giovane laureata in Legge di origini catanesi ma da anni residente nel Lazio. Vicina alle idee del Pdl si è fatta notare per la parlantina sciolta e la spigliatezza in TV nelle reti locali laziali ma il salto in termini di notorietà arriva con la partecipazione al Trono Under di Uomini e Donne. Qui ruba letteralmente il ruolo di antipatica a Roberta Ruiu, snocciolando spesso la sua preparazione universitaria, la volontà di frequentare ragazzi dal notevole background culturale così come quella di distinguersi dalle altre ragazze etichettate in una determinata occasione come ‘shampiste’. Apriti cielo: questa sortita snob provoca il finimondo in studio con polemiche da più parti, fino alla decisione di lasciare il programma per ben più importanti impegni tra studio e lavoro.

    A distanza di alcuni mesi Ylenia torna alla ribalta con un look rinnovato ed un libro all’attivo. Intervistata qualche giorno fa da Beatrice Borromeo per il Fatto Quotidiano ha parlato di sé, dell’ammirazione per il Cavaliere e soprattutto del nebuloso approdo a Uomini e Donne. Stando a quanto riportato nell’intervista, Ylenia sarebbe stata chiamata più volte dalla redazione del programma in quanto iscritta ad un database. L’idea passata in quel momento era quella della lista di giovani militanti del Pdl ma qualche giorno dopo la Citino precisa sul suo blog: ‘Nell’intervista non si è mai parlato di liste del Pdl da cui prendere gente per andare a Canale 5, come la Borromeo, se è in buona fede, dovrebbe sapere. Io ho solo accennato al fatto che ero iscritta alle liste dei figuranti Rai, per fare il pubblico ai programmi, cosa che facevo durante gli studi per un misero gruzzoletto di 25 euro a puntata. Le liste del Pdl e di Forza Italia non c’entrano nulla, anche perché non sono mai stata candidata né ho chiesto di esserlo‘. Incidente di percorso a parte, la militante Pdl non demorde e approda anche a Piazzapulita, dove ieri ha avuto luogo lo scontro tra Mattia Mor e Daniela Santanchè.

    E mentre tutti si concentrano sulle solite faccende legate a Berlusconi e Berluscones, l’interrogativo che perseguita i fan di Uomini e Donne riguarda il reclutamento dei partecipanti: non sono i casting itineranti a fornire corteggiatori e tronisti?