XFactor, nuovi casting a Milano il 5 e 6 febbraio

XFactor, nuovi casting a Milano il 5 e 6 febbraio

XFactor, nuovi casting a Milano il 5 e 6 febbraio

    XFactor, nuovi casting a Milano il 5 e 6 febbraio

    Continuano i casting per selezionare i 15 partecipanti del talent show di RaiDue, XFactor, in partenza martedì 11 marzo. Dopo le tappe di Roma e Rimini, la ricerca riprende da Milano, dove gli interessati potranno darsi appuntamento allo StarHotels di Via Pietro Gaggia 3 alle ore 9.00 martedì 5 e mercoledì 6 febbraio. In alto il promo girato durante i casting di Roma.

    Magnolia, la società di produzione che ha acquistato il format inglese, e RaiDue fanno sapere che in un mese sono state più di 20.000 le richieste di partecipazione giunte in redazione (tramite il sito www.xfactor.rai.it o chiamando lo 0423.733060) per le varie tappe del casting che sta attraversando lo Stivale.
    Alla prima audizione, quella svoltasi a Roma il 22 e il 23 gennaio, sono arrivati oltre 1500 candidati, mentre a Rimini, tra gli 800 provinati, si sono presentati numerosi over 40: il record spetta di sicuro ad un signore di Piacenza che ha tentato la via del successo all’età di 82 anni. E’ proprio vero che l’amore per la musica non ha età. Beh, a dire il vero se non esiste un limite massimo ce n’è sicuramente uno minimo: è necessario, infatti, avere almeno 16 anni per poter partecipare alle selezioni che proseguiranno nei prossimi giorni a Bari (il 12 febbraio) e a Napoli (16 e 17 febbraio).

    Dal promo, visibile ad inizio articolo, si scoprono alcuni dettagli interessanti sul programma. In primis le categorie in cui verranno divisi i concorrenti sono diverse da quelle inizialmente comunicate: si tratta di tre gruppi, ragazze dai 16 ai 24 anni, ragazzi dai 16 ai 24 anni e uomini e donne over 25.

    Ciascuna categoria sarà poi affidata ad uno dei tre giudici che attualmente stanno procedendo alle audizioni, ovvero Mara Maionchi, Morgan e Simona Ventura, i quali rivestiranno il ruolo di “tutor” e seguiranno i propri ragazzi per tutto il percorso, mettendosi anche loro direttamente in gioco.
    Tre giudici in gara tra loro” recita lo spot, facendo così capire che la competizione investe anche loro. Insomma, come ama dire Simona Ventura, i tre “ci mettono la propria faccia” e a noi sorge un dubbio: che Amici abbia scelto di far schierare i docenti a favore di una o dell’altra squadra in gioco (i Bianchi e i Blu) per anticipare uno dei meccanismi caratteristici di XFactor? In questo modo Amici brucerebbe l’effetto novità della competizione tra tutor, niente di molto diverso (anche se ancora dobbiamo scoprirne i meccanismi) dalla contrapposizione tra gli insegnanti della scuola.
    Beh, vedremo cosa succederà sia sul versante di Amici che su quello di XFactor. Intanto la caccia al nuovo talento musicale da incoronare su RaiDue è ancora aperta.

    716

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI