XFactor, blogcronaca della sesta puntata. Esce Silvia Aprile: il pubblico contesta

XFactor, blogcronaca della sesta puntata in diretta web

da , il

    Cristiano Malgioglio, Simona Ventura e Michele Fischietti durante i casting

    Sesta puntata per XFactor, eccezionalmente al lunedì per evitare la contrapposizione con il Grande Fratello 8 che a causa delle dirette elettorali andrà in onda domani. I continui spostamenti di palinsesto certo non aiutano il programma a trovare una propria stablità di ascolti, ma dalla prossima settimana il talent show di Simona Ventura si posizionerà definitivamente al martedì fino al termine delle puntate previste. Questa sera nuova eliminazione dopo due manche in cui verranno divisi gli otto concorrenti ancora in gioco.

    La scorsa settimana l’eliminazione di Antonio (25+) andato in ballottaggio con la compagna di squadra Annalisa, è stata compensata dall’ingresso nel Loft di Gino, altro napoletano dalla voce potente che da stasera entrerà di fatto nella trasmissione.

    La sua prima settimana è stata caratterizzata da tanto lavoro, come un po’ per tutti i concorrenti che hanno lavorato attentamente con i vocal coach alla preparazione dei brani. Non sono mancate, come al solito, delle perplessità per i brani che i capitani, Mara Maionchi, Morgan e Simona Ventura, hanno loro assegnato, ma vediamo nel dettaglio quali canzoni potremo ascoltare questa sera:

    Simona Ventura, categoria 25+

    - Annalisa: America di Gianna Nannini

    - Emanuele: Sunday bloody sunday degli U2

    - Gino: Portati via di Mina

    Mara Maionchi, categoria 16-24

    - Ilaria: I don’t Know di Noa

    - Tony: Cinque giorni di Michele Zarrillo

    - Silvia: Estate di Bruno Martino

    Morgan, categoria Gruppi Vocali

    - Aram Quartet: Under Pressure, Queen – David Bowie

    - SeiOttavi: Don’t worry be happy di Bobby McFerrin

    Qualche “problemino” lo ha incontrato Silvia, alla quale era stata prima affidata I don’t know why di Norah Jones, brano che sentiva assolutamente in linea con il suo stile. Ma la necessità di inserire nella terzina un’altra canzone italiana ha spinto Mara a proporle Estate. Con un po’ di rammarico, ma con grande profesionalità, Silvia ha accettato e stasera la vedremo alle prese con questo grande classico degli anni ’60.

    Soddisfatti invece Tony, che con Zarrillo propone uno dei suoi cavalli di battaglia, e Ilaria, che si ritrova pienamente nel mondo di Noa. Emanuele, intanto, continua sulla scia rock, con gli U2, dopo la bella prova di Knockin’ on heaven’s door della settimana scorsa, mentre gli Aram Quartet, dopo l’esordio con Bohemian Rapsody tornano sul luogo del delitto con Under pressure, sempre dei Queen.

    Tra un concerto estemporaneo dei Sei Ottavi in un locale milanese (Le Scimmie) e qualche compleanno da festeggiare, la settimana ha avuto per i ragazzi diversi momenti di leggerezza. Ma il tocco di classe degli ultimi giorni è stato senza dubbio l’ingresso di Cristiano Malgioglio, la Regina dell’Isola dei Famosi, nella commissione selezionatrice dei talenti per la squadra di Simona Ventura. Ancora alla ricerca del terzo aspirante concorrente per l’ingresso della prossima puntata, Simona ha voluto accanto a sè Malgioglio, la cui stella si è un po’ appannata dopo il ritorno dall’Isola nonostante la costante presenza a Quelli che il calcio. Quale migliore occasione per ricordarne al pubblico la verve se non metterlo alla prova nel suo campo? Ma, diciamocelo, nessun siparietto può eguagliare le prodezze fatte sulle spiagge dell’Honduras.

    Ma la settimana ha riservato ai protagonisti anche una notevole sorpresa: fedeli all’impianto anglosassone del format gli autori hanno fatto entrare nel loft un personaggio atipico per la cultura italiana, il life coach, una sorta di psicoterapeuta votato all’indivuazione delle risorse dell’individuo e orientato all’ottimizzazione delle stesse per spingerlo verso una piena consapevolezza di sè e del suo futuro. La spiegazione è di certo poco scientifica, ma abbiamo potuto imparare a conoscerne un po’ i metodi e gli obiettivi grazie ad un’altra trasmissione della Magnolia, Adolescenti-Istruzioni per l’Uso, andato in onda prima su Discovery Real Time e poi su La7 questo inverno.

    Il metodo adottato con i concorrenti è stato semplice, far disegnare loro qualcosa e poi commentarlo insieme. Un esempio? Silvia ha disegnato un fiore, Ilaria un albero e da queste due “opere” la life coach, Alessandra Lancellotti, ha disegnato, a propria volta, un profilo delle due ragazze. A suo dire Silvia ha qualche problema a causa della sua apparente apertura, spesso scambiata per sensualità, con conseguente illusione/delusione da parte degli altri, mentre Ilaria, palesemente introversa, ha ricevuto dalla dottoressa il seguente consiglio: “se confidi di più negli altri, i tuoi fiori diventeranno frutti”. Chissà se davveros ervira ad Ilaria per aprirsi un po’ di più, cacciar fuori le sue enormi potenzialità e sorprendere così i giudici, che puntualmente la criticano per l’eccessiva freddezza delle sue esibizioni.

    Comunque lasciamo la life coach al proprio lavoro e concentriamoci sulle esibizioni. La sesta puntata di XFactor e la nostra blogcronaca stanno per iniziare.

    21.00

    E’ appena terminato il Tg2 e per gli irriducibili dei reality, restii a sentire ancora dati e commenti in questa serata elettorale, sta per iniziare la sesta puntata di XFactor. Come previsto anche nel nostro post sulle maratone elettorali, alle 23.30 è previsto uno speciale del Tg2 sulle elezioni: Simona Ventura e Francesco Facchinetti dovranno fare a meno di un’ora di trasmissione.

    21.05

    E infatti la puntata si apre subito senza Ante-factor, ma con l’ingresso in studio delle tre squadre e dei loro membri. Entra anche il conduttore, con il solito sproloquio iniziale. A parte il papillon rosa di Morgan e il cappellino di Simona, l’abbigliamento ci sembra piuttosto misurato questa sera. Si inizia con qualche (inutile) domanda ai concorrenti (“Tony, ti rendi conto che potresti vincere un contratto da star?”, ma no?).

    Si inizia la conta dei superstiti: due gruppi, di grande peso, per Morgan – Aram Quartet e SeiOttavi – e tre membri ciascuno per Mara e Simona, che può contare sul nuovo arrivo, Gino Scannapieco. Mentre le ugole si scaldano, parte un rvm sulle differenze di stile e di gusto di Simona e Morgan, scatenate prima da Antonio e ora da Gino, che Morgan trova molto simile al suo predecessore. Se Simona ama l’estensione vocale del suo nuovo pupillo, a Morgan queste capacità non interessano: “Mi piace Sinatra, che aveva un’ottava, Elvis, Bowie, questi fenomeni non mi impressionano”. Mara ci mette il suo, aggiungendo che per lei non rappresenta una novità.

    Giunti alla sesta puntata pensiamo di poterci permettere un giudizio sui giudici: la Ventura è stucchevole nelle sue difese d’ufficio, molto spesso veri attacchi gratuiti che, dato il suo ripetuto sguardo sulla scrivania, ci sanno di “tavolino”. Molto meglio Mara e Morgan, più sciolti e spontanei, nel bene e nel male. Alla base delle opinioni di Morgan il dispiacere – condiviso – per l’uscita dei Venebit, la scorsa settimana: “Gli italiani non hanno voglia di sperimentare, hanno una cultura di quarta mano, mentre Gino è uno già sentito”. E vai con la critica al televoto.

    Il meccanismo per l’eliminazione orami lo conosciamo: due manches, per ciascuna un candidato all’eliminazione deciso dal televoto, mentre la coppia al ballottaggio sarà giudicata alla fine dai giudici.

    Soltita domanda di Francesco su chi secondo loro uscirà: Mara e Morgan rifiutano di rispondere anche perchè si dice “Come si fa a sapere chi canterà male stasera se non si possono vedere neanche le prove?”. Giustissimo.

    Prima manche:

    Aram Quartet

    Tony

    Annalisa

    Ilaria.

    E parte ufficialmente la sigla, alle 21.20.

    21.20

    Si inizia subito con gli Aram Quartet che cantano Under Pressure con testo in italiano alle spalle dei cantanti. Partiti apparentemente disuniti hanno recuperato subito alla grande. Bravi, bravi, bravi.

    Simona: “Siete straordinari, mi piace quello che fate e tanti complimenti. E per Mara, come si collocano discograficamente?”; Mara: “Vi abbiamo sempre sentito cantare sempre in inglese e pezzi di grande spessore, che vi avvantaggia. Vorrei sentirvi cantare qualcos’altro, in italiano. Chissà se riuscireste alla stessa maniera cantando La Montanara”. Per Morgan tutto ok e si passa alla seconda esibizione, mentre ci rivediamo la loro.

    21.28

    E’ la volta di Tony con Cinque giorni di Michele Zarrillo. Qualche “portamento” (per dirla alla Jurman) che risente dell’origine napoletana che fa sentire l’eco di un lontano neomelodico (leggerissimo, per carità). Mara si commuove.

    Morgan: “Sei cresciuto molto, mi sei piaciuto, anche perchè nelle prove eri stonatissimo”; Simona: “Mi piaci, anche perché cerchi un tuo stile, anche se spero di sentirti cantare qualcosa di più allegro”, e più che commuoversi Mara non può fare molto altro. Gli occhi celesti del 19enne però si “fanno sentire”.

    21.35

    Arriva Annalisa con un brano di Gianna Nannini, America, per la quale è accompagnata sul palco da quattro ballerini. E esce fuori tutta la grinta e la passione di Annalisa, che scende dal palco e canta in faccia a Morgan: “fammi l’amore!”, nel divertimento di Mara e Simona, e l’imbarazzo di Morgan.

    Mara: “Ma sai cosa vuol dire questo testo? Gianna diceva che bastava a se stessa, tu invece hai dato l’impressione che ti servisse l’uomo per soddisfarti”. Annalisa invece ha cercato una propria lettura, per cui la sua interpretazione è, per Mara, slegata dal testo. Per Morgan: “l’unica nota stonata è che hai finito per somigliare tantissimo a Gianna, che ti ha fatto perdere di originalità”.

    Pubblicità.

    21.47

    Prima della quarta esibizione un rvm su Mara e la sua squadra, di cui non è rimasta soddisfatta la scorsa settimana. Se dice Silvia non sentiva bene il ritorno audio, Morgan la bacchetta: “E’ un atteggiamento da dilettanti, anche se uno non si sente ma sa cantare va avanti lo stesso e sei anche intonato”. Mara parte all’attacco, ma Morgan specifica che il montaggio dell’rvm ha creato equivoci, visto che le sue parole non si riferivano al gruppo di Mara.

    Tocca a Ilaria, che presenta un brano di Noa, I don’t know. Abitino bon ton, rossetto acceso, bello il look. E bella la sua voce, che in questi pezzi viene sicuramente valorizzata.

    Morgan: “Perfetta! Non perfettina ed è ben diverso. Ma è anche sinonimo di finito, nel senso che non so quanto possa migliorare, perchè è pronta per fare un disco. ha un atteggiamento davvero professionale e quello per altri è un limite per me è positivo”; Simona: “Mi è piaciuta, ma la scelta di pezzi particolari e poco conosciuti ti mette ancora più su un piedistallo”; Mara: “Ma lei è così, e va benissimo”; Simona: “E allora perché Annalisa non ti piace?” e Mara: “Perché sono due filosofie diverse”.

    22.02

    E giunge il momento di gloria per la Life Coach, che ha “interrogato” i quattro membri della prima manche. E vediamo l’rvm delle sue impressioni: Annalisa deve cacciare fuori l’”orango” che è in lei; Tony è un antidivo con tanti valori; Ilaria deve invece uscire dai suoi stereotipi e mostrarsi di più. E Morgan attacca la dottoressa, in assenza: “Lei non ha capito che mestiere fate voi: essere artista vuol dire stare su un leggero filo di depressione da cui scaturisce l’arte. Mica è una commessa: se Leopardi o Mozart fossero andati da uno psicologo non avremmo avuto tanti capolavori. Dietro il suo sorriso c’è un mondo di malinconia che serve anche ad esprimere il suo mondo”. Mara dà ragione a Morgan, tutti e due contro Simona e la Life Coach.

    22.10

    Francesco riparte al contrattacco: chi rischia l’eliminazione? Ma nessuno risponde e si procede con la cerimonia della busta. Passano il turno Ilaria (alla faccia della Ventura), gli Aram Quartet e Annalisa. Incredibilmente al ballottaggio, per la prima volta, Tony. Forse a penalizzarlo il brano un po’ cupo, non proprio adatto alla “luce” dei suoi occhi. Per il ballottaggio Tony canterà No One.. e dire che il ragazzo era stato scelto nelle prove generali per “impersonare” il candidato al ballottaggio. Uhm…

    22.16

    Nessun talento incompreso stasera ma subito la seconda manche:

    Emanuele

    Silvia

    Gino

    SeiOttavi.

    Inizia Emanuele che presenta Sunday Bloody Sunday degli U2.

    A dir poco retorica la presentazione della Ventura, che ricorda la storia della canzone (scritta per ricordare l’intervento armato dell’esercito su un gruppo di manifestanti irlandesi del 1972) e per invocare la pace nel mondo. Vabbè… Ma perché Emanuele continua a far finta di suonare la chitarra? Il pezzo è sempre potentissimo, ma l’impressione è che Emanuele voglia un po’ strafare. Ma c’è, il ragazzo c’è.

    Mara: “Bene”, ma senza entusiasmo; Simona sottolinea la scelta di aver inserito un verso “Free Tibet”, che non abbiamo colto e Morgan si squieta un po’: “Mi piace il tuo atteggiamento, sei intonato, sei molto simile a me per certi versi, ma questo brano fa parte di un repertorio dilettantistico (da oratorio o da pic nic)”. In pratica critica la scelta di Simona e anche la sua accondiscendenza al tema, al contenuto. Insomma la critica di Morgan è rivolta soprattutto alla scarsa cultura musicale di Simona, almeno questo ci è parso di capire. Pubblicità.

    22.30

    Questa sera è davvero una corsa contro il tempo. Si procede con la gara e con la seconda esibizione, quella di Silvia che si cimenta con Estate. Bon ton Style anche per lei, con abitino lilla veramente grazioso. Qualche problemino all’inizio sui bassi, con qualche accenno di lieve stonatura. Ma la interpreta meravigliosamente, per niente banale e densa.

    Morgan: “Non cominciamo con la questione dell’età” dice Morgan a Simona che ha fatto la domanda, aggiungendo che sembra più matura (vecchia, poi dice) della sua età. Mara sottolinea che non ci sono molte canzoni jazz in italiano, perchè la nostra tradizione è lirica. Morgan: “Bene giudichiamo Silvia: mi fa piacere che abbia scelto questa canzone, ma lei sa cantare meglio. L’ha fatta quasi troppo perfetta, la tua versione non fa sentire l’odio per l’estate, ma è bello sentire che canti senza sforzo”.

    E parte un rvm in cui si ricostruisce la visita di Gianluca Grignani nel loft. I suoi complimenti sono andati a Silvia e a Ilaria, che invece gli arriva con tutte le sue emozioni. Emanuele valuta la visita di Grignani come un segnale di quello che sta succedendo di fuori e gli piace pensare che il programma sia seguito dagli artisti che si immedesimano in loro, dopo anni nei quali sono stati loro ad immaginarsi artisti di peso nazionale. Bella questa lettura del programma.

    22.41

    E’ il momento del metalmeccanico, dice Simona, Gino che canta Portati Via, di Mina, una canzone da lui mai cantata. Pezzo decisamente impegnativo anche perché il paragone con Mina è ancor più ostico per un uomo. Ma la fa senza esitazioni, molto bravo. Didascalica l’ambientazione, ma non è certo quello il punto forte della squadra di Sinona.

    Mara: “Ineccepibile”; Morgan: “Molto bravo, ma bisogna ancora capire che personalità musicale abbia”; Simona: “I brividi! Molto contenta anche perchè sei bravo e umile”.

    22.46

    Nuovo momento per il Life Coach che etichetta Silvia come poco aperta e con un ego troppo grande, Emanuele troppo abbottonato sui sentimenti e le emozioni, Gino, invece, resta anche per lei un personaggio misterioso, una bellissima persona ma apparentemente non abbastanza preparata per sopportare l’attacco dei colleghi. Del resto è appena entrato.

    22.50

    Ultima esibizione della seconda manche quella dei SeiOttavi, che presentano Don’t worry Be Happy, un classico della musica a cappella. Per dirla alla Morgan, perfetta ma un po’ “moscia”. Per loro un’altra standing ovation.

    Simona: “Fate spettacolo e mi piace questa cosa”; Morgan: “non hanno fatto un arrangiamento originale, ma con loro è bello lavorare perchè con loro si può sceneggiare”; Mara: “Siete bravi e se qualcuno è triste aprirà (sic) la tv invece di mettere su un dico”. Gelo nello studio, che avrà voluto dire?

    22.56

    Anche la seconda manche è finita e sta per arrivare il verdetto del televoto. Non sappiamo cosa ne pensiate voi, ma i tempi serrati rendono tutto sempre più piacevole: meno chiacchiere, meno rvm, meno polemiche, meno intermezzi riempitivi – come i Talenti incompresi – tutto molto più essenziale e incentrato sui cantanti. Beh, vale la regola di Sanremo anche per i talent, evidentemente.

    Entrano i cantanti della seconda manche che si distribuiscono sul palco pronti a sapere chi passa il turno. Mara si dichiara un po’ “disturbata”, non tesa, perchè le cose non sono andate come sperava. Forse ora teme un po’ per Silvia. La scelta è evidentemente dura: potrebbe contare l’effetto “novità” che potrebbe però penalizzare l’ultimo arrivato contro protagonisti forti della trasmissione. Si salvano Emanuele, i SeiOttavi e Gino, un po’ a sorpresa. In ballottaggio va quindi Silvia che dovrà vedersela con il compagno di squadra Tony: Mara ha ragione ad essere disturbata, sta per perdere uno dei probabili vincitori, anche se mantiene un atteggiamento al momento “ragionevole”, fino a quando sbotta dicendo che “la cabina e gli ombrelloni (presenti sul palco per scelta degli scenografi durante la canzone di Silvia, n.d.r.) se li potevano mettere neeeee…. nel ripostiglio!”. Silvia non se la sentiva di cantare questa canzone, anche se amatissima, ma ha dovuto cedere per necessità di equilibri tra brani italiani e stranieri. “La canzone popolare non fa uscire l’impronta artistica – dice Mara – non nel caso di Silvia, che al balottaggio canterà Why, il brano che l’ha vista vincitrice nello spareggio tra i candidati all’ingresso nel programma.

    Inizia a cantare Tony con No One.

    23.08

    Tony canta mettendocela tutta, ma tocca a Silvia con Why e negli occhi c’è tutta la sua determinazione. E in questo pezzo è davvero magica.

    Il momento è topico, uno dei due principali candidati alla vittoria finale dovrà uscire tra poco. Pubblicità.

    23.18

    Si torna in studio (mentre il resto delle reti sono invase, ovviamente, da politici) per gli appelli finali dei giovanissimi artisti, 19 anni per Tony e 20 per Silvia. Tony chiede di restare per poter imparare sempre di più, Silvia si augura che Simona, Morgan e Mara non vogliano interrompere il suo sogno di vivere di musica, con tanti ringraziamenti.

    Morgan: “Elimino Tony”, Simona: “Elimino Silvia” e fin qui si sapeva. Mara: “Silvia è matura per essere una cantante ed è un po’ meno popolare di Tony e può fare una grandissima carriera; Tony ha bisogno delle ragazzine e può essere più in difficltà fuori, per cui ELIMINA SILVIA!” SCELTA INCREDIBILE, molto contestabile e il pubblico fa buu, più che giustificato. Un vero peccato, ma abbiamo la speranza che già stasera qualcuno Silvia contatti e le proponga un disco. Ha prevalso il faccino giovane, il commerciale, gli occhi blu e non ci sembra affatto giusto: se XFactor serve a scoprire i talenti chi meglio di Silvia avrebbe dovuto vincere il programma? Secondo questo ragionamento, date le sue qualità vocali Leona Lewis non avrebbe mai dovuto vincere! Era già pronta per una carriera, no?

    Pessima la scelta di Mara per la credibilità stessa del programma: peccato, l’arrivo di Silvia aveva dato un altro spessore al programma. Alla fine la scelta è una scelta da “scuola” che sta bene ad Amici, non in un programma che vorrebbe simulare un provino discografico. Ci dispiace per Silvia e soprattutto per il programma che finora aveva mantenuto una sua filosofia. Peccato… a presto con X Factor e appuntamento con la blogcronaca della settima puntata martedì 22 aprile. Buonanotte.