XFactor 3, le novità

Il Giornale anticipa alcune delle novità della terza edizione di XFactor che partirà il prossimo 10 settembre

da , il

    Il Giornale anticipa alcune delle novità della terza edizione di XFactor che partirà il prossimo 10 settembre. Già assegnate le squadre ai tre giudici/capitani: a Claudia Mori vanno gli over 24, a Morgan gli under 24 e a Mara Maionchi restano i gruppi vocali.

    Come già anticipato in un nostro precedente post, XFactor 3 vedrà la luce giovedì 10 settembre, una collocazione anomala scelta per non sovrapporsi a Miss Italia 2009 e nella quale resterà per due puntate. Dal 21 settembre, poi, tornerà al lunedì.

    Inizia invece il 31 agosto la striscia quotidiana nel preserale di RaiDue dedicata ai casting: sembra ferma a 12 concorrenti la rosa di partenza del talent, quattro elementi per categoria, che vedono ormai assegnati i capitani: la new entry Claudia Mori si occuperà degli over 24, gruppo toccato a Morgan l’anno scorso; a Morgan invece toccano i 16-24, mentre Mara Maionchi resta ai gruppi vocali, nonostante le non esaltanti scelte di casting della scorsa edizione.

    Cambiano anche due terzi dei vocal coach: con l’uscita di scena di Simona Ventura va via Stefano Magnanesi, sostituito da Roberto Vernetti, 44 anni, musicista e produttore che ha lavorato con il gotha della musica italiana – da Mina a Patty Pravo passando per Elio e Le Storie Tese e Irene Grandi – scelto dalla Mori per affiancarla nel suo nuovo gravoso compito di talent scout televisiva; anche Morgan cambia partner, passando da Andrea Rodini a Carlo Carcano; resta invece fedele ai suo Gaudi Mara Maionchi.

    Sul fronte casting, sembra ormai a buon punto anche la scelta dei concorrenti. Saranno 12: la più piccola ha 19 anni, il più ‘maturo’ 33. Attenzione anche per le ‘pari’ apportunità, visto che le due suadre di solisti avranno due uomini e due donne a testa. Per i gruppi vocali, invece, ci sarà un duo e un quartetto maschile e due terzetti ‘omosex’ (uno formato da soli uomini e uno di sole donne): tutti rigorosamente italiani, questa volta, onde evitare problemi di ‘integrazione’ e di ‘ambientamento’ musicale.

    Padrone di casa resta Francesco Facchinetti, per il quale RaiDue sta preparando uno studio ancora più grande e sfavillante in quel di Via Mecenate. Speriamo solo che il ‘menu’ dei cantanti sia esaltante e accenda nuovamente la passione per ‘la musica che batte sul Due’.