XFactor 2, ai Bastard Sons of Dioniso il Premio della Critica

I Bastard Sons of Dioniso conquistano il Premio della Critica della seconda edizione di XFactor

da , il

    E’ andato in onda ieri sera il Galà – Processo di XFactor che conclude idealmente la seconda edizione del talent di RaiDue. Ai Bastard Sons of Dioniso il Premio della Critica assegnato dai 50 esperti presenti in studio. Un Galà triste e sottotono, ingiusto per un programma che ha appassionato sono solo il pubblico tv, ma anche il mondo musicale italiano.

    Immaginiamo che siano state esigenze di palinsesto, dovute anche alla sospensione del programma per una settimana a seguito del Terremoto in Abruzzo, ad aver relegato alla seconda serata il Processo-Galà di XFactor 2, andato in onda praticamente in sordina ieri sera dalle 23.35 su RaiDue. Senza i tre giudici, limitatisi a inviare un videomessaggio, e soprattutto senza il mordente del live (visto che è stato registrato, non si capisce quando) il tutto si è ridotto a una sfilata dei 16 concorrenti (taluni dimenticabili) che si sono sottoposti ai giudizio dei 50 tra giornalisti, direttori d’orchestra, responsabili delle radio per l’assegnazione del premio della critica. Come se quanto fatto in 14 settimane non fosse stato sufficiente.

    Al posto dei tre giudici, Simona Ventura, Morgan e Mara Maionchi, dietro il bancone c’erano gli opinionisti del Processo a XFactor, ovvero Selvaggia Lucarelli, Alessandro Rostagno, Matteo Bordone e Pierpaolo Peroni. Assente per malattia Giusy Ferreri. Sul palco, invece, tutti i concorrenti più i tre vocal coach, Andrea Rodini, Gaudi e Stefano Magnanensi, che si sono anche loro esibiti sul finale.

    In realtà quello di ieri sera non è stato né un Processo, né un Galà: tutto molto piatto, senza entusiasmo, quasi pesante. Si è avuta l’impressione, in diversi momenti, che sia stato registrato prima della finalissima di domenica. È stata certo l’occasione per rivedere sul palco tutti i concorrenti di questa seconda edizione, alcuni dei quali ormai dimenticati. Un modo anche per ripercorrere gli errori di selezione o di eliminazione dei tre giudici: ci si domanda ancora come Mara abbia potuto dare una chance alle SoS o come i Farias siano riusciti ad andare tanto avanti. Si sono riviste le facce di Giacomo e dei Sinacria Simphony, si sono riascoltate le chimere Laura e Chiarastella. Il valore degli altri talenti è emerso, a nostro giudizio, ancor più nettamente. E ci rammarichiamo ancora per la scelta di Simona Ventura di far fuori dalla finale Daniele Magro, il più richiesto nei duetti dagli ospiti sanremesi: di certo la finale se la sarebbe potuta giocare. Rivediamo Daniele con Irene Fornaciari e Simona Molinari.

    Poco riconoscibile, invece, Matteo Becucci, il vincitore, con Karima in Come in Ogni Ora, che rivediamo in basso.

    Proprio i duetti, almeno alcuni, sono stati il momento migliore della serata: in basso vi riproponiamo gli altri.

    Alla fine la Critica ha premiato i Bastard Sons of Dioniso: premio quasi scontato e meritatissimo per questo trio della Valsugana che ha conquistato tutti e che ha raggiunto in pochissime ore il primo posto nella classifica dei brani scaricati su ITunes. Rivediamoli nella magnifica Walk This Way degli Aerosmith.

    XFactor, però, non si ferma: mentre si aprono i casting per la terza edizione sta per partire il tour che girerà l’Italia per tutta l’estate. Ma prima le ugole di XFactor si rincontreranno a Trento per un concerto, il cui incasso verrà devoluto – anche questa volta – alla Protezione Civile per i terremotati dell’Abruzzo. Il concerto si terrà il 27 aprile e verrà trasmesso su RaiDue giovedì 30 aprile alle 23.30: ospite anche Giusy Ferreri.

    La musica continua a battere sul Due, anche se in seconda serata.