X Factor 3: fuori Paola. Giallo su Silver, ma c’è Checco Zalone

X Factor 3: fuori Paola. Giallo su Silver, ma c’è Checco Zalone

X factor 3, undicesima puntata: fuori Paola Canestrelli, all'ultimo scontro con le Yavanna salvate da Morgan

    Lacrime e risate nell’11ma puntata di X Factor 3 che ha visto l’uscita di Paola Canestrelli: la presenza di Checco Zalone ha rinfrancato un po’ gli animi nella seconda manche, dove Silver sbaglia testo e attacchi de La Donna Cannone e piange disperato all’idea del ballotaggio. Ci vanno però le Yavanna, anche se Francesco sbaglia a leggere il verdetto per un attimo condanna Silver allo scontro con Paola, la meno televotata della prima manche. Noi apriamo, però, con il video dell’inedito di Damiano, Anima, presentato ieri in anteprima e già pronto all’uscita discografica. Sembra un testo di Jovanotti. Di seguito le esibizioni dei cantanti in gara.

    Puntata ‘inedita’ quella di X Factor 3 in onda ieri sera: sul palco ad accompagnare le esibizioni degli artisti c’era un orchestra di archi e una band, che hanno riscaldato l’ambiente e hanno iniziato a dare ai concorrenti il gusto del palco dell’Ariston, dove il vincitore si troverà a cantare nella 60ma edizione del Festival di Sanremo tra i Big della canzone italiana. Serata emozionante per i cinque ancora in gara, ormai alle soglie delle fasi finali, visto che mrcoledì prossimo siamo alla semifinale. Non la raggiungerà Paola Canestrelli (over 25), entrata due settimane fa e andata all’ultimo scontro con le Yavanna salvate da un Morgan come sempre mattatore, questa volta per i lunghi silenzi che hanno preceduto il verdetto.

    Ma andiamo con ordine, mostrandovi le esibizioni dei cantanti. Partiamo da Paola, eliminata al termine della prima manche, dopo aver cantato Estate dei Negramaro.



    Proseguiamo con il ‘vincitore in pectore’ di questa terza edizione, il bravissimo (ci sia concesso) Marco Mengoni: voce fnatastica e ottimo interprete, capace di misurarsi con ogni forma di canzone. Rivediamolo in Kiss (prima manche) e in Il Nostro Concerto, di Umberto Bindi, con la quale ha commosso anche Mara Maionchi, contenta che sia ormai riabilitata l’arte di Bindi, in vita ‘condannato’ per il suo outing. Bindi, infatti, fu uno dei primi nell’Italia bigotta degli anni ’50-’60 a dichiararsi omosessuale e per questo ‘emarginato’ dal mercato discografico.





    Proseguiamo con Giuliano Rassu: voce sì interessante, ma più o meno sempre uguale a se stessa. Non ci meraviglieremmo se fosse lui il prossimo eliminato: d’altra parte sconterebbe anche il fio di essere entrato dopo gli altri concorrenti, sul palco di X Factor dal primo giorno. Lo rivediamo in Mi Ritorni in Mente di Battisti e in Angels di Robbie Williams.





    Seguono le Yavanna, gruppo vocale che ha fatto senza dubbio un percorso in crescita in queste 11 settimane di X Factor. Le vediamo in un classico degli anni ’80, Neverending Story e in una versione ‘pazza’ come l’ha definita Morgan di Pazza Idea di Patty Pravo.





    Sono proprio loro a vivere con Silver il giallo della seconda manche: al momento del verdetto del secondo candidato all’eliminazione Francesco Facchinetti inverte i nomi e dà per un attimo salve le Yavanna e in ballottaggio Silver. Interviene il notaio che rimette le cose al proprio posto: Facchinetti si è confuso, forse anche perché convinto che la non perfetta prova di Silver lo abbia condannato al televoto. Ma cosa è successo? Nella seconda manche Silver ha perso le parole e gli attacchi de La Donna Cannone. Errore evidente e condizionante, diventato argomento dei giudizi dei tre capitani: ma Silver, per la tensione e forse anche per la paura di vedere finire il suo sogno con un errore, piange disperato consolato da Facchinetti. La Mori approfitta del momento per lamentarsi: “Tutta questa visibilità a Silver porterà al ballottaggio Giuliano che non lo merita“: i fischi piovono copiosi. Ma rivediamo le due manche di Silver, che ha cantato nella prima Space Oddity di Bowie e nella seconda la famigerata Donna Cannone.





    Al ballottaggio, quindi, vanno le Yavanna e Paola: rivediamo solo i brani a cappella.





    Tocca ovviamente a Morgan decidere e dopo una decina di minuti di silenzio ed evoluzioni lingustiche elimina Paola. Ottima voce, senza dubbio, ma nel talent prevale anche l’aspetto narrativo della gara: le Yavanna stanno combattendo tra critiche e attacchi da 11 settimane, ci sembra anche giusto che siano loro a godersi la semifinale.

    Intanto è tornato sul palco di X Factor Damiano Fiorella, l’ex attrezzista ormai diventato cantante: “Ora mi guardo allo specchio e so chi sono: un cantante. E questo è un grande cambiamento nella mia vita”. Presenta Anima, canzone scritta da lui (musica e parole) e arrangiata da nome famoso della musica italiana, che collabora anche con Jovanotti. E a noi la canzone sembra entrare perfettamente nel genere Lorenzo. Da oggi è acquistabile anche su I-Tunes e presto sarà nei negozi.
    Ma noi vogliamo chiudere questo resoconto video con l’esibizione di Checco Zalone, che ha funto anche da quarto giudice durante la seconda manche della gara. Sarebbero da riascoltare tutti i suoi giudizi, un po’ seri e un po’ faceti: appena saranno disponibili i video ve li faremo riascoltare.

    1684