Voyager – Ai confini della conoscenza, su Rai 2 da Lunedì 12 dicembre

Torna il programma condotto da Roberto Giacobbo per la trentesima serie e il quattordicesimo anno. Anche questa serie tratterà l'Italia straordinaria.

da , il

    Voyager – Ai confini della conoscenza, su Rai 2 da Lunedì 12 dicembre

    Voyager – Ai confini della conoscenza torna in onda su Rai 2 Lunedì 12 dicembre 2016 alle 21.10. Il programma, ideato e condotto da Roberto Giacobbo, indagherà ancora nella sua nuova edizione l’Italia e le meraviglie delle sue regioni.

    Voyager – Ai confini della conoscenza tornerà dunque per il quattordicesimo anno e la trentesima serie. Il programma, condotto e ideato da Roberto Giacobbo, dopo il successo della scorsa edizione, indagherà ancora l’Italia straordinaria. Già nella prima puntata, in onda su Rai 2 Lunedì 12 dicembre alle 21.10, potremo esplorare quattro magnifiche regioni italiane: Toscana, Sardegna, Lombardia ed Umbria.

    Il pubblico potrà ricevere delle risposte ad alcuni interrogativi sui beni che custodiamo in Italia, ad esempio i misteri nascosti nella pavimentazione del Duomo di Siena, che pare contengano che tra le varie immagini anche la figura di un pagano, Ermete Trismegisto.

    Ma Siena verrà esplorata anche in altre parti della città, nelle sue angolutare più suggestive, dalle sue profondità del sottosuolo fino alla Torre della Mangia.

    Infatti verrà approfondita anche la conoscenza di una popolazione, chiamata Popolo dal mare dagli Egizi. Questo popolo, scomparso senza una causa precisa migliaia di anni fa, sembra abbia costruito fra le 8.000 e le 20.000 nuraghe.

    Scopriremo delle curiosità su questo popolo grazie a delle indagini condotte da Voyager – Ai confini della conoscenza con dei droni nella Sardegna sud occidentale. Queste indagini hanno portato delle scoperte incredibili, infatti sono stati trovati utensili che fanno pensare a un abbandono improvviso, quasi ad una fuga, che il programma di Giacobbo, in onda su Rai 2, cercherà di spiegare.

    In Voyager – Ai confini della conoscenza verrà anche indagata la connessione tra la città di Mantova e crocifissione di Cristo. Infatti nella prima puntata di Lunedì 12 dicembre verrà raccontata la storia del legionario romano Longino, colui che secondo la tradizione avrebbe trafitto il costato di Gesù sulla croce. Sembra che il legionario, in seguito, sia andato proprio a Mantova a concludere la propria vita portando con sé una preziosissima reliquia, il sangue di Cristo. Il viaggio poi si concluderà ad Orvieto, in un’Italia da sempre protagonista dei principali eventi della storia.

    Ma nella prima puntata di Voyager – Ai confini della conoscenza, Roberto Giacobbo lancerà un appello. Infatti il conduttore sta lottando per far sì che venga intitolata un’aula universitaria a Elena Lucrezia Corner, la prima donna laureata, che è riuscita a emergere in un mondo dove le donne erano relegate a ruoli marginali e domestici.

    Infine, nella parte finale della puntata verrà dedicata all’indagine della vita oltre la vita, con l’approfondimento Quello che non si può dire, durante il quale ci saranno delle testimonianze di persone che sostengono di aver vissuto un’esperienza pre-morte.

    Voyager – Ai confini della conoscenza è stato scritto da Valeria Botta, Davide Fiorani, Massimo Fraticelli e Marco Zamparelli, con la regia di Maria Cristina Bordin, Filippo De Masi, Cristiano Leuti, Raffaella Maresti, Emanuela Pesando, Paolo Porcaro e Enrico Sparti. Il capo progetto di Voyager è Veronica Vetrulli, mentre il produttore esecutivo è Manuela Madonna.

    Ricordiamo che Voyager – Ai confini della conoscenza torna in onda con la conduzione di Roberto Giacobbo su Rai 2 alle 21.10.