Virtuality, un’altra serie sci-fi per la Fox

Virtuality, un’altra serie sci-fi per la Fox

Sarà un anno fantascientifico quello della Fox, che dopo Fringe ha deciso di dare il via libera a “Virtuality”, pilot sci-fi di due ore sceneggiato da uno dei papà di “Battlestar Galactica“, Ronald D

    fox logo

    Sarà un anno fantascientifico quello della Fox, che dopo Fringe ha deciso di dare il via libera a “Virtuality”, pilot sci-fi di due ore sceneggiato da uno dei papà di “Battlestar Galactica“, Ronald D. Moore.

    Il progetto, prodotto dalla Universal Media Studios assieme a Gail Berman e Lloyd Braun, sarà ambientato su Phaeton, navicella spaziale che da 10 anni è in viaggio per raggiungere un sistema solare simile al nostro. Per aiutare i dodici membri dell’equipaggio a tenersi allenati, la NASA ha equipaggiato la navicella con un avanzatato sistema di realtà virtuale, che permette ai dodici di assumere le identità a loro più congeniali e andare dove vogliono: ma un misterioso ‘virus’ è in agguato nel sistema… “E’ molto fantasiosa, ma anche realistica, ha spiegato Katherine Pope della Universal, perché anche noi vorremmo spesso scappare dalle nostre vite”. Sebbene il ‘creatore’ della serie sia Moore, l’idea originale di “Virtuality” è venuta a Braun, che l’ha poi condivisa con Berman; i due si sono successivamente rivolti a svariati sceneggiatori, incluso Moore che le ha dato la forma definitiva, e che, assieme all’altro “Battlestar” Michael Taylor, ha poi scritto la sceneggiatura.

    Se il pilot (che dovrebbe essere diretto da Martin Campbell, attualmente in trattative, con le riprese previste per Luglio) avrà successo, saranno ‘dolori’ per la NBC, che ha rifiutato il progetto ritenendolo “troppo fantascientifico” per la rete; oltre a Virtuality, la Fox ha dato il via libera anche a “Boldly Going Nowhere”, serie comico fantascientifica ambientata in una nave spaziale che racconterà la vita quotidiana dell’equipaggio.

    322

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI