Virginia Raffaele a Sanremo 2015 imita Ornella Vanoni: ‘Siamo a Sanremo o a Cocoon?’

Virginia Raffaele a Sanremo 2015 imita Ornella Vanoni: ‘Siamo a Sanremo o a Cocoon?’

Virginia Raffaele a Sanremo 2015 regala una divertente imitazione di Ornella Vanoni: si parla di amanti, musica e giornalisti

da in Carlo Conti, Festival di Sanremo 2015, Rai, Rai 1
Ultimo aggiornamento:

    Approda alla quarta serata del Festival di Sanremo 2015 anche Virginia Raffaele. Ornella Vanoni è il cavallo di battaglia sul quale l’attrice comica punta regalando una divertente imitazione supportata da Carlo Conti che con un’intervista prova a contenerne gli eccessi verbali. Truccata e vestita proprio come l’ormai ottantenne interprete milanese, la Raffaele propone alcuni dei tormentoni legati alla cantante di Grande Grande Grande: l’essere confusa sull’identità delle persone con cui ha fatto l’amore, la rivalità con altre primedonne della musica come Mina e Patty Pravo, il ricordo dei suoi uomini Paoli e Strehler ed infine gli inarrestabili gorgheggi da vera diva della canzone.

    Virginia Raffaele/Ornella Vanoni esordisce sul palco con un medley alternativo: non ci sono i suoi immortali pezzi ma L’aiouola di Grignani e L’ombelico del mondo do Lorenzo Jovanotti. Dopo tocca ai suoi non sense: ‘Tra Albano e Romina e gli Spandau Ballet ma siamo a Sanremo o a Cocoon? Dopo averlo rivisto i parenti di Pino Donaggio sono contenti, pensavano fosse morto‘. E subito dopo tocca alle goffe avances al conduttore: ‘Abbiamo fatto l’amore io e te? No!? C’è tempo, c’è tutta la serata‘. E poi arriva una freddura a tema: ‘Sanremo è come fare l’amore, in 3 minuti ti giochi la carriera‘. Non mancano gli aneddoti su Gino Paoli ed il malizioso terzetto con Renis da cui è uscito Grande Grande Grande.

    Da veterana della musica la Vanoni fittizia regala un consiglio ai giovani in gara tra le nuove proposte: ‘Ci vogliono un filo di voce, un filo di c**o‘. E prima di dirigere la sua playlist del cuore a suon di Simpson e Guerre Stellari, la mitica Ornella ne ha anche per i giornalisti seduti tra il pubblico: ‘A Bartoletti, ma che lavoro fai.. non mi rompete i maroni coi soldi in Svizzera, pensate a Mina che sta a Lugano da vent’anni!‘.

    404

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Carlo ContiFestival di Sanremo 2015RaiRai 1 Ultimo aggiornamento: Sabato 14/02/2015 12:39
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI