Veronica De Simone, Nuvole che passano: scheda e testo della canzone di Sanremo 2014

Veronica De Simone al Festival di Sanremo 2014 con Nuvole che passano: scheda e testo del brano in gara

da , il

    “Viene da un talent”. E quindi? Ché in tv o nella musica i pregiudizi non esistono?! Certo che sì. E’ vero che tra le sue esperienze c’è il terzo posto a The Voice of Italy, ma tra affermarlo con oggettività o attribuirgli un tono dispregiativo ce ne passa di differenza. Capiremo solo sul palco dell’Ariston se il Festival di Sanremo 2014 per lei saranno solo Nuvole che passano (il brano con cui si esibisce) o la consacrazione nel mondo della musica.

    Veronica del resto ha solo 24 anni e già a The Voice, nella prima edizione condotta da Fabio Troiano, avevamo notato tutti la sua timidezza ma al contempo una voce notevole; tant’è che tra i suoi “miti” musicali dice di collocare volentieri Mia Martini e Fabrizio De André per l’Italia, Bob Marley e Ray Charles come artisti internazionali.

    Se Nuvole che passano è il brano che presenta a Sanremo, Nati liberi è invece l’inedito che fu presentato nel corso del programma su Rai2, che le permise di posizionarsi sul podio del talent show che avrà ancora Raffaella Carrà come coach.

    Del resto non è facile non dubitare del suo talento; è stata l’unica tra le tante giovani proposte che si sono presentate, provenienti dai talent show, ad accaparrarsi la partecipazione al Festival di Sanremo, oltre che “avere dalla sua” l’attenzione di un importante produttore musicale come Pietro Cantarelli, noto già per Gaber, Vecchioni, Mannoia e tanti altri.

    Nuvole che passano

    Ricordati novembre

    Quando hai stretto la mia mano

    Ero impaurita e pallida

    Poi non me l’aspettavo

    Che nel momento esatto

    In cui credevo di affogare

    Fossi proprio tu, tu che mi vuoi salvare

    Autunno, grigio autunno

    Un cielo gonfio che non piove

    Non so perché mi abbracci

    So soltanto che volevi

    Poi mi accarezzi gli occhi

    E io smetto di tremare

    Piove finalmente

    Che non si può fermare

    Sono solo attimi

    Stelle che poi cadono

    Stagioni che si inseguono

    Tra nuvole che passano

    Inverno sotto il freddo

    Rosso sangue sulla neve

    Domani parto ancora

    E ho solo voglia di morire

    Mi chiedi tutto bene, Sei arrivata?

    Poi mi dici Io ci sono, io ti aspetto

    Noi due siamo amici

    Gennaio disperato

    La tua luce sempre accesa

    Nel buio rotolando

    Fino in fondo alla discesa

    Se cado cento volte mi raccogli e non ti stanchi

    Il sole quando ancora io mi sento niente

    Sono solo attimi

    Stelle che poi cadono

    Stagioni che si inseguono

    Tra nuvole che passano

    Ricorda maggio

    quando l’hai chiamato col suo nome

    Che amore è solo amore non esiste altro nome

    Per dire tutto questo bene che non so spiegare

    Per dire tutto questo che ci scoppia dentro il cuore

    Primavera lilla

    Ubriaca in mezzo ai tigli

    Vivremo in una casa bianca, avremo cento figli

    Felicità non è che una parola, non è niente

    E’ camminare scalzi confusi tra la gente

    Sono solo attimi

    Stelle che poi cadono

    Stagioni che si inseguono

    Tra nuvole che passano

    Estate blu di notte che mi vieni incontro piano

    Gli occhi dentro gli occhi, mi sorridi, ti aspettavo

    E pelle sulla pelle

    Il tuo profumo nel mattino

    Ti guardo mentre dormi, amore mio vicino

    Ricordati di agosto e di ogni stella che è passata

    Fra i tuoi capelli scuri sopra i nostri corpi uniti

    Cammini sulla sabbia

    E io ti guardo da lontano

    Mentre il pomeriggio muore

    Nel volo di un gabbiano

    Na-na-na-na-na-na

    E Sono solo attimi

    Stelle che poi cadono

    Stagioni che si inseguono

    Tra nuvole che passano.