Valerio Scanu querela Pupo: a Sanremo 2010 nessuna vittoria rubata

Sicuramente più interessato a un ritorno in grande stile ad Amici 11, Valerio Scanu sta facendo parlare di sé anche per via dei suoi contrasti con Pupo, che è stato querelato per affermazioni forti e decisamente ingiuste

da , il

    V

    Valerio Scanu non ci sta: le critiche che Pupo ha mosso alla sua vittoria sanremese non possono assolutamente passare inosservate. Tempo fa, infatti, durante una intervista di Panorama, l’amico del principe Emanuele Filiberto di Savoia accusò il piccolo di Maria De Filippi di aver ‘scippato’ la vittoria a Italia amore mio negli ultimi minuti del Festival (per fortuna, aggiungiamo noi: per quanto le performance di Valerio non siano state fantastiche, infatti, la sua canzone è sicuramente più bella e meno banale di quella lagna che portò sul palco dell’Ariston l’incommentabile trio Filiberto-Canonici-Ghinazzi). Le sue parole, qualora non le aveste più presenti, sono state forti e hanno scatenato, alla luce di quanto abbiamo scoperto oggi, non soltanto la reazione dei fan, ma anche quella di Valerio e del suo legale.

    Nel 2010 sono stato vittima di un’ingiustizia pazzesca – così ha esordito Pupo prima dell’inizio del Festival di Sanremo 2012 -. La mia canzone Italia amore mio, cantata con Emanuele Filiberto e Luca Canonici, aveva stravinto, lo sanno tutti. Poi, a un quarto d’ora dalla fine, come per magia, tutta Italia s’è messa a votare per Valerio Scanu. Un trionfo scippato. La Guardia di finanza sta ancora indagando. [...] Se oggi la gara è pulita, è solo perché non girano soldi. E dove non ci sono soldi non c’è neanche corruzione‘.

    Le parole, come vedete, sono state anche ingiuste: non si può sostenere che il pubblico sia sovrano, solo e soltanto quando porta avanti artisti che piacciono; Valerio e il suo legale, Paola Castiglione, hanno ritenuto opportuno intervenire, credendo che le dichiarazioni di Pupo corrispondessero a una vera e propria diffamazione ai danni del cantante. A Tv Sorrisi e Canzoni, infatti, Paola ha dichiarato che ‘l’affermazione circa una presunta indagine della Guardia di Finanza è infondata‘, non senza sottolineare che la partecipazione al ‘monologo di Adriano Celentano non si spiega dopo dichiarazioni tanto gravi contro il Festival e contro la Rai‘.

    Sicuramente più interessato a un ritorno in grande stile ad Amici 11, il cantante potrebbe avere la meglio. Con buona pace di Pupo e del suo rammarico…