Valerio Merola: la Giostra sul Due è il mio risarcimento

Valerio Merola: la Giostra sul Due è il mio risarcimento

Valerio Merola ha parlato del suo ritorno in tv alla conduzione del nuovo contenitore mattutino di RaiDue, La Giostra sul Due, in una intervista al Tgcom: è il mio risarcimento morale, ha dichiarato

    Dopo anni di assenza dal video e un lungo periodo di purgatorio vissuto da opinionista tv dopo la partecipazione all’Isola dei Famosi, Valerio Merola è ritornato sul piccolo schermo al timone di un nuovo programma estivo della Rai, la Giostra sul Due. Per il Merolone (nomignolo che ora gli pesa parecchio) aver ottenuto la conduzione di questo contenitore mattutino di Rai Due equivale a un vero e proprio risarcimento morale dopo la bufera giudiziaria che l’ha travolto con la prima Vallettopoli (risalente al 1996). Il conduttore si è tolto diversi sassolini dalla scarpa in una intervista al Tgcom.

    È entusiasta Valerio Merola della sua Giostra sul Due, il nuovo programma contenitore della mattina di Rai Due che ha di fatto segnato il suo ritorno alla conduzione sul piccolo schermo dopo anni di ospitate in tv in veste di semplice opinionista. La trasmissione, in onda da una bellissima terrazza di Squillace che si affaccia sullo splendido mare calabrese, è partita domenica 8 agosto (ma doveva iniziare lunedì 2) e accompagnerà i telespettatori di Rai Due per il resto dell’estate ogni giorno dal lunedì al venerdì, dalle 11.15 alle 12.05.

    La Giostra sul Due rappresenta un risarcimento morale per Merola dopo i tanti pregiudizi subiti per anni in seguito al ciclone Vallettopoli che lo ha investito nel 1996 nonostante il caso sia stato poi archiviato completamente.

    Finalmente vedo riconosciuta la mia professionalità. Lo dico senza falsa modestia. In giro ci sono solo ex del Grande Fratello, tronisti e reduci dai reality. Gente che non ha fatto la gavetta e si vede” ha raccontato il conduttore al Tgcom spiegando che la sua Isola dei Famosi, edizione 2004, era diversa da quella di oggi perché “non c’erano i ‘non famosi’ e bene o male i personaggi che partecipavano avevano fatto qualcosa nella vita e approfittavano dell’occasione per tornare alla ribalta”.

    Tornare alla conduzione è dunque per Merola una grande soddisfazione anche se persistono i pregiudizi nei suoi confronti: “Ancora adesso c’è qualcuno che si permette di dire ‘perché prendete Merola per questo programma?’. E si dimentica che sono un professionista che lavora da venticinque anni e che soprattutto è stato ‘assolto’ da tutte le accuse. Il giudice archiviò tutto, non ci fu neanche il processo – ricorda Valerio – . Sono persino stato risarcito dallo Stato con una cifra simbolica, ma che per me vale molto”. E ora, dopo 13 anni, è forse arrivato il momento di voltare pagina una volta per tutte, anche agli occhi del pubblico non vuole più essere il vecchio “Merolone”. E chissà che la Giostra sul Due non lo aiuti.

    Spero solo che vada bene.

    Abbiamo cominciato di domenica in un periodo non proprio facile, ad agosto. Ma cresciamo ogni giorno. Pensa che non sono costato nulla alla Rai. Ho trovato una convenzione con la Calabria, la regione dalla quale trasmettiamo. Sono molto rispettoso della crisi e quando sento e leggo certi cachet mi vengono i brividi”. Anche a noi… ma si possono guadagnare milioni di euro solo per stare in tv??

    Tornando a Valerio Merola, crediamo che meriti il riscatto e una seconda chance. E voi come lo giudicate dopo le prime puntate?

    565