V, Scott Rosenbaum promette più azione per la seconda stagione (spoiler)

V, Scott Rosenbaum promette più azione - ma anche qualche approndimento psicologico per i personaggi - per la seconda stagione della serie ABC, tredici episodi che non è chiaro quando verranno trasmessi

da , il

    Nell’attesa di capire quando tornerà su ABC la seconda stagione di V, lo showrunner Scott Rosenbaum anticipa qualcosina di quello che ci aspetta nei prossimi tredici episodi, anche se prima di passare agli spoiler del caso (dopo il salto) meglio dedicarsi a Morena Baccarin, che si è detta certa che lo show nel futuro si dedicherà più ai personaggi, “cogliendo l’opportunità di indagare a fondo nelle storie che vogliamo raccontare, ma anche per conoscere meglio i protagonisti”. Ma sarà così?

    Almeno a leggere le parole dello showrunner Scott Rosenbaum, pare che il concentrarsi sui personaggi e sui loro sentimenti/retroscena, non sia così importante: “Gli episodi saranno pieni d’azione – ha spiegato Rosenbaum – vedremo più soldati dei V e le loro armi, ma anche la guerra tra V. e umani, abbiamo delle limitazioni nel budget ma ci lavoreremo su”.

    Nella seconda stagione di V scopriremo qualcosa in più sulla mitologia dei Visitors, ma vedremo anche un V senza sembianze umane (forse il bambino di Valerie): “La speranza è quella di continuare l’ottimo lavoro portato avanti finora da Scott Peters, dandogli un mio tocco personale, voglio che sia uno show sci-fi come lo fu Aliens”, ha spiegato lo showrunner.

    E se in molti hanno visto in Anna una critica all’amministrazione Obama per i messaggi molto simili, Rosenbaum nega il paragone: “V – ha spiegato – è semplicemente uno show che riflette il nostro mondo e l’epoca in cui viviamo, le scelte che gli esseri umani fanno per le più svariate ragioni”.