Uomini e Donne: finta scelta per Monica (video), una vera Tronista!

Uomini e Donne si è tinto di mistero: Monica mette in scena una finta scelta - con la complicità della redazione - per testare le intenzioni del corteggiatore Emiliano, che risponde di no (vedi Marcelo Fuentes)

da , il

    Uomini e Donne si è tinto di mistero: Monica mette in scena una finta scelta – con la complicità della redazione – per testare le intenzioni del corteggiatore Emiliano, che risponde di no (vedi Marcelo Fuentes). Ma Monica è il nostro mito: dopo il salto un’esterna con un altro corteggiatore, Marco, tutta da vedere, nella quale la ragazza smonta tutti i copioni iscritti nel reality di Maria De Filippi.

    Monica Pisano, tronista rosa di Uomini e Donne, organizza una finta scelta per capire quanto davvero il chiacchierone Emiliano tenga davvero a lei: e difatti la rifiuta, come nella tradizione di chi guarda al trono più che alla tronista. Il caso Marcelo Fuentes (ma il vero caposcuola resta Costantino Vitagliano) fa proseliti: peccato che Emiliano resti – come si dice – con le dita dentro la porta. Nonostante il pubblico si divida, con la maggior parte favorevole a una sua immediata eliminazione da parte della ragazza (gruppo che di fatti annovera anche Maria De Filippi), Monica decide di tenerlo ancora tra i suoi corteggiatori. Condividiamo: la vendetta è un piatto da servire freddo.

    Ma la cosa che più ci è piaciuta di questa puntata di Uomini e Donne è stata l’ultima esterna mandata in onda, quella tra la ‘nostra’ (ormai mitica) Monica e Marco: un’esterna ‘perfetta’, in cui Monica smonta tutti i ‘luoghi’ comuni solitamente incritti nei ruoli di tronista e corteggiatore, in quella forma di scripts, ‘copioni’ non in senso teatrale, ma di psicologia sociale, che si sono ormai definiti in 12 anni di Uomini e Donne: “Siete proprie delle donne – dice Monica al corteggiatore – non sono io che devo capire voi, siete voi che dovete mostrarvi: la regina sono io, non voi!“…

    Mitica Monica! Stravolge in un momento l’andazzo cui ormai siamo abituati, con le troniste che ormai hanno interiorizzato il meccanismo della conquista, proprio della ‘femmina’ contemporanea, portato negli ultimi anni all’estremo con gli uomini che si cullano nel comodo e lusingiero status di preda, nel passato prerogativa escusamente femminile. Brava Monica: la parità dei diritti è una cosa, le specificità culturali e sociali di genere sono altre. In basso il video (un po’ di pazienza, c’è prima la discesa dei nuovi corteggiatori).