Una mamma imperfetta, grande successo per la prima fiction italiana pensata per il web

Una mamma imperfetta, la fiction di Ivan Cotroneo ideata per il web, riscuote grande successo e in autunno verrà trasmessa su RaiDue

da , il

    Dopo il grande successo ottenuto sul web dalla fiction Una mamma imperfetta, le vicende di Chiara e delle sue inseparabili amiche, compagne di fugaci chiacchierate tra un cappuccino e l’entrata a scuola dei figli, torneranno a farci compagnia in autunno, questa volta, come da tradizione, sul piccolo schermo e precisamente su RaiDue.

    Una mamma imperfetta è stata infatti la prima serie ideata in esclusiva per il web e trasmessa su corriere.it a partire dal 6 maggio: 25 episodi di 8 minuti, online dal lunedì al venerdì, che hanno raccontato con ironia e freschezza la vita delle donne di oggi, in equilibrio, molto spesso precario, tra lavoro, figli, marito e una lunghissima lista di appuntamenti/doveri/scadenze da rispettare.

    Per 25 episodi è stata la bravissima Lucia Mascino, attrice formatasi in ambito teatrale, a vestire i panni di Chiara, mamma-protagonista sempre di corsa, che decide di affidare il racconto delle sue giornate ad una sorta di web-diario quotidiano, per condividere con le altre donne pensieri, considerazioni e speranze di chi si sente sempre sul baratro di un vago senso di inadeguatezza e di imperfezione.

    Così i piccoli grandi momenti della vita di tutti i giorni come il rapporto con il marito, le esigenze dei figli, il confronto con le temibili antagoniste, ovvero quelle mamme perfette che sembrano riuscire a fare sempre tutto, si sono trasformati in originali episodi che hanno conquistato migliaia di visualizzazioni.

    Insieme a Lucia Mascino, a vestire i panni delle fidate amiche, compagne di sventura di Chiara, anche Anna Ferzetti (Irene), Vanessa Compagnucci (Claudia) e Alessia Brela (Marta), mamme e mogli alle prese con i piccoli, grandi dilemmi di sempre.

    L’idea è stata quella di raccontare la quotidianità delle donne - ha spiegato Ivan Cotroneo, già autore di fortunate serie tv come Tutti pazzi per amore e Una grande famiglia - “senza voler tirare delle somme ma ponendo solo dei dubbi“.

    Un esperimento originale e coraggioso, ma in definitiva, visto il grande seguito ottenuto dalla serie, sicuramente riuscito, come ha sottolineato anche il critico televisivo Aldo Grasso, paragonando Una mamma imperfetta al successo americano di Desperate Housewives: “Se l’idea di fondo di Una mamma imperfetta è quella dell‘inadeguatezza, del non sentirsi mai all’altezza dei compiti affidati, della precarietà di una vita di corsa (24 ore sono poche, ne servirebbero almeno 27), Ivan Cotroneo, come Marc Cherry di Desperate Housewives, ha saputo andare oltre la casalinghitudine (…) o il ritratto più o meno sociologico della condizione femminile oggi. No, ha messo in scena le inadeguatezze di tutti noi. Forse Chiara assomiglia un po’ a Lynette Scavo, ma assomiglia di più a tutti noi quando, invece di dare risposte, cerchiamo risposte. Anche davanti a uno schermo di un computer.”