Uman Take Control, un reality alla deriva o la deriva dei reality?

Uman Take Control, un reality alla deriva o la deriva dei reality?

Seconda puntata questa sera per Uman Take Control: ma il reality di Italia 1 sembra sempre più alla deriva

    fuga ramona

    Uman Take Control vive questa sera la sua seconda puntata in diretta tv, ma al momento si ha l’impressione che a tenere sotto scacco format e autori sia l’insospettabile Bambola Ramona, vera scheggia impazzita di questa settimana. Dopo aver tentato la fuga dal laboratorio ed essere poi data per malata ieri (poi è rientrata in gioco), Bambola è stata protagonista di un ‘gustoso’ confessionale con Simona Ercolani, capoprogetto del format, dal quale emergono gli accordi tra concorrenti e autori, sempre validi in ogni reality e quindi anche in Uman Take Control. Senza contare che gli omini tendono a raccontarsi i segreti delle loro precedenti esperienze, svelando altarini in live streaming. La sensazione che sia tutto estremamente raffazzonato e che Uman Take Control sia la condensazione del peggio del reality nostrano si fa sempre più forte: che la chiusura sia (finalmente) vicina?

    Cerchiamo di procedere con ordine: due giorni fa Simona Ercolani, capo-progetto del format, chiedeva alla critica di sospendere il giudizio (già tranchant) fino alla seconda puntata, in onda stasera in prima serata su Italia 1 (e che noi seguiremo con la nostra diretta web). La vera gara sarebbe partita solo oggi, liquidando tutto quello che è successo tra lunedì sera e la successiva settimana come un “antipasto” della portata innovativa del format, talmente ‘avanti’ da non essere compreso dai critici e per questo stroncato.

    Ma a vedere le anticipazioni di questa sera e le ‘formidabili’ novità che attendono il pubblico viene decisamente da sorridere: pezzi forti della puntata la macchina della verità, cui verranno sottoposti gli omini per carpirne ‘i loro più reconditi segreti’ sui valori della vita (es. sono razzisti?) e l’intervento di un criminologo per spiegare il meccanismo di sudditanza psicologica cui sono costretti i concorrenti.

    Beh, non è che questa sudditanza sia stata molto percepita nel corso della prima settimana di laboratorio: le crisi, le lamentele, le minacce, le richieste dei concorrenti si sono sprecate, con in prima fila Veronica Ciardi suffragetta per le sigarette e Bambola Ramona in crisi per la trousse mai ricevuta. Una trousse che doveva arrivare in studio già il primo giorno stando agli accordi presi con gli autori (e rivelati nel confessionale cui abbiamo fatto cenno in apertura) e che non è stato ancora recapitato per una serie di problemi ‘organizzativi’ stando a quanto dichiarato alla concorrente dalla Ercolani, stretta tra le prove della seconda puntata, i problemi familiari e l’esaurimento nervoso per le tante proteste che arrivano dai concorrenti.

    Risultato? Bambola, ben lontana da qualsivoglia forma di ‘sudditanza psicologica’ verso chicchessia tenta la fuga (qui il video), apparentemente per una lite; poi dichiara di stare male ed esce dal laboratorio. “Bambola Ramona ha temporaneamente abbandonato il laboratorio per motivi di salute… La teutonica omina è dovuta uscire per motivi di salute non riferibili. La privacy nella vita è tutto, anche nei reality” si legge nell’aggiornamento news del sito ufficiale di Uman, che specifica poi che Bambola dovrà dormire su un materassino e non più a terra.

    In tutto questo Sergio Volpini si lamenta per le emorroidi, Veridiana Mallmann racconta dei cocchi che la produzione dell’Isola dei Famosi faceva trovare ai naufraghi nei periodi di magra, Luca Tassinari confessa che La Pupa e il Secchione era completamente ‘scritto’, e via così… Tutti i reality hanno qualcosa da nascondere e Uman Take Control non fa differenza, anche se vuole sembrare più autentico e ‘reale’ degli altri. Doppia presunzione.

    Di fatto questi primi 7 giorni di laboratorio sono stati un inferno sia per i concorrenti, costretti a sorbirsi di tutto, che per gli autori, alla mercé del pubblico al pari dei loro ‘omini’: “Il concetto di pubblico controllore sovrano spiazza a volte anche noi, al punto che decidendo tutto gli spettatori, a volte siamo noi autori a perdere il controllo” ha dichiarato la Ercolani qualche giorno fa. E si vede. Più che nuovo, però, questo reality sembra la condensazione del peggio dei tanti reality finora visti in tv. Quanto durerà?

    738