Two and a Half Men, risolta la battaglia legale tra Charlie Sheen, Chuck Lorre e WBTV

Two and a Half Men, risolta la battaglia legale tra Charlie Sheen, Chuck Lorre e Warner Bros TV: all'attore andranno 25 milioni di dollari e parte dei proventi della syndication delle 8 stagioni precedenti

da , il

    charlie sheen si accorda

    Si è risolta la battaglia legale tra Warner Bros TV e Charlie Sheen, quando l’attore aveva querelato per 100 milioni di dollari lo studio e il creatore di Two and a Half Men Chuck Lorre in seguito al licenziamento di Sheen dallo show per insulti proprio verso Lorre. Le parti si sarebbero accordate per circa 25 milioni di dollari (da pagare a Sheen), più una parte di soldi derivanti dalle repliche in syndication delle 8 stagioni della sitcom.

    Warner Bros, Chuck Lorre e Charlie Sheen hanno risolto le loro controversie con reciproca soddisfazione di tutte le parti, la causa e l’arbitrato saranno lasciati cadere, e tutte le persone coinvolte hanno deciso di mantenere la massima riservatezza sui termini dell’accordo“.

    Questo il breve comunicato ufficiale con cui, dopo mesi di tira e molla, Warner Bros, Chuck Lorre e Charlie Sheen hanno deciso di chiudere la causa che li vedeva contrapposti: dettagli sui soldi non ce ne sono, ma secondo alcune fonti citate da Deadline Sheen dovrebbe essere stato liquidato con circa un quarto di quello che chiedeva, ossia 25 milioni di dollari, gran parte dei quali sarebbero i soldi dovutigli per l’ottava stagione di Two and a Half Men (dopo il licenziamento, l’attore non era stato pagato proprio per le controversie legali).

    In futuro, secondo i siti americani, a Sheen verranno corrisposti i pagamenti derivati dalla messa in onda in syndication delle otto stagioni della sitcom, soldi che comunque difficilmente gli faranno toccare i cento milioni richiesti qualche mese fa. Se Warner Bros e Lorre volevano chiudere la battaglia, altrettanto voleva comunque fare Sheen, che dopo il successo della partecipazione al ‘roast’ di Comedy Central sta cercando casa per la sua sitcom Anger Management, per cui peraltro, nei giorni scorsi, è stato assoldato lo showrunner Bruce Helford.

    Tra le reti in pole position, c’è proprio Comedy Central, anche se per ora le trattative sono nella fase iniziale: tentare di vendere una sitcom ed essere impegnato in una battaglia legale non è il massimo, ma ora, risolte tutte le controversie, il ritorno di Sheen alla tv è molto più vicino.