Tv dei ragazzi, Rai Tre chiude Screensaver (video)

Tv dei ragazzi, Rai Tre chiude Screensaver (video)

intervista a Federico Taddia sulla chiusura del suo programma Screensaver

    Video tratto da una puntata di Screensaver

    Non c’è proprio nulla da fare. La logica degli ascolti prevale sempre sulla qualità. Anche quando si tratta della Tv dei ragazzi. Ormai c’è spazio solo per cartoni animati giapponesi e serie tv americane. Perché Screensaver, l’unico programma tv originale, e per di più italiano, fatto dai ragazzi stessi chiude i battenti.

    Rai Tre ha deciso di cancellare dal suo palinsesto Screensaver. Da settembre non vedremo più il programma dedicato ai cortometraggi realizzati dai ragazzi.

    Federico Taddia, da sei anni autore e conduttore del format per gli under 18, in un’intervista alla Stampa non nasconde la sua amarezza: “ll nostro programma era di alta qualità. E costava due lire”. Ma secondo Rai Tre non era più in linea con la Rete e non raggiungeva il target: questa la motivazione sostenuta per la scelta di interrompere Screensaver.

    Di certo non è stato favorevole agli ascolti decidere di mandarlo in onda la domenica mattina alle nove. “Ma il programma funzionava e i numeri nonostante gli orari c’erano – ha spiegato Taddia –. Hanno detto che non siamo stati capaci di parlare ai bambini più piccoli, ma quel tipo di programma è fatto per gli adolescenti. Per i più piccoli ci sono altri format, come Trebisonda su Raitre”.

    Non si può neanche dire che Screensaver sia rimasto fermo e ancorato alla sua un’idea originale. Dal 2006, infatti, in ogni puntata è prevista la presenza di un personaggio famoso che torna nella scuola frequentata per proporre un argomento. Da qui lo spunto per i ragazzi per sviluppare un video. In due anni sono stati realizzati oltre 50 cortometraggi. “Abbiamo lavorato con Giovanni Allevi, Renzo Arbore, Paola Cortellesi, Rino Gattuso e molti altri.

    Il livello degli ospiti era molto alto. Dispiace che si buttino via sei anni di lavoro. Se volevano cambiare qualcosa – conclude l’autore – si poteva discutere e migliorare”. Ma ormai la scelta è stata fatta. Ed è forte la delusione di Taddia: “Certo da Rai Tre non mi aspettavo la cancellazione di un programma considerato ‘di qualità’. Ho sempre creduto di fare insieme agli altri del gruppo un buon programma. Ma non è bastato”.

    Così, a meno di improvvisi quanto improbabili cambi di rotta, agli amanti della tv dei ragazzi fatta dai ragazzi restano solo le repliche: Screensaver andrà in onda fino alle fine di agosto con una serie di puntate sull’adolescenza.

    Taddia torna invece a tempo pieno a Radio2. Oltre ad essere uno degli autori del programma di Fiorello e Marco Baldini Viva Radio2“, conduce la trasmissione Monolocale, una sorta di rassegna stampa della provincia italiana con le notizie più curiose.

    665