Tutti pazzi per amore: Piera degli Esposti, la classe oltre la fiction

Tutti pazzi per amore: Piera degli Esposti, la classe oltre la fiction

Tutti pazzi per amore, Piera degli Esposti, interpretando una nonna cattiva, ma irresistibile, dà prova di grande classe sfoderando un'innata ironia che le consente di volare più in alto del resto del cast

    piera degli esposti

    Se è vero che Alessio Boni è la rivelazione di questa seconda serie di Tutti Pazzi per Amore, la nota più innovativa è Piera degli Esposti che si presta ad un gioco che solo un’attrice di gran classe e grandi trascorsi come lei poteva concedersi. Come dimenticare il suo volto intenso nell’Ora di religione di Marco Bellocchio o ne Il Divo di Paolo Sorrentino, interpretazioni per le quali ha ottenuto il David di Donatello? La leggerezza di impersonare una nonna che nessuno vorrebbe avere riuscendo a renderla simpatica, e quindi desiderabile, è impresa riuscita a pochi, forse solo a lei.

    Nella puntata del 16 maggio, la discesa in campo di Clelia in difesa di figlia e genero nel bel mezzo di una gara di ballo, giustamente appellati in precedenza “i parenti poveri di Ballando con le Stelle”, merita tutta la serie. Così come merita una menzione speciale l’apertura di puntata con le note di Franco Battiato, La Stagione dell’Amore, un modo semplice, ma incisivo, per avvicinare anche i più prosaici alla musica d’autore.

    Non per essere melensi nei confronti della serie più blasonata della rete ammiraglia della Rai, ma come non notare il tiolo del secondo episodio che punta dritto al cuore dei raffinati estimatori di Mia Martini a pochi giorni dall’anniversario della sua scomparsa. Ma tornando alla nonna più glamour della TV è mitica anche quando viene scoperta, quando non risce ad ammettere il suo amore per il marito e il suo desiderio represso di normalità, abbiamo molto da imparare e non solo per fiction.

    Un occhio di riguardo anche per il neo ballerino Giulio Pierantoni, irresistibile nei panni di Zorro ingentilito dal pizzo nero che fa sempre il suo effetto.

    348