Tutti i vincitori degli Emmy 2008 (gallery)

da , il

    John Adams e 30 Rock: sono le due serie vincitrici indiscusse della sessantesima edizione degli “Emmy“, andati in scena ieri sera al Nokia Theather di Los Angeles e trasmessi, in esclusiva per l’Italia e in diretta integrale, su Jimmy (Sky, canale 140) a partire dalle 2.

    COMEDY:

    SERIE COMICHE

    30 Rock

    MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA IN UNA SERIE COMICA

    Alec Baldwin, 30 Rock

    MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA IN UNA SERIE COMICA

    Tina Fey, 30 Rock

    MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE COMICA

    Jeremy Piven, Entourage

    MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE COMICA

    Jean Smart, Samantha Who?

    MIGLIOR GUEST STAR MASCHILE IN UNA SERIE COMICA

    Tim Conway, 30 Rock

    MIGLIOR GUEST STAR FEMMINILE IN UNA SERIE COMICA

    Kathryn Joosten, Desperate Housewives

    La cerimonia di premiazione è stata preceduta, su E! Entertainment (114 di Sky) da una diretta dal red carpet, dopo sono state intervistate star e candidati: per chi, vista l’ora, se lo fosse perso, domani sera alle 21 la manifestazione andrà in replica sottotitolata.

    DRAMMATICHE

    SERIE TV DRAMMATICHE

    Mad Men

    MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA

    Bryan Cranston, Breaking Bad

    MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA

    Glenn Close, Damages

    MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA

    Zeljko Ivanek, Damages

    MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA

    Dianne Wiest, In Treatment

    MIGLIOR GUEST STAR MASCHILE IN UNA SERIE DRAMMATICA

    Glynn Turman, In Treatment

    MIGLIOR GUEST STAR FEMMINILE IN UNA SERIE DRAMMATICA

    Cynthia Nixon, Law & Order: Special Victims Unit

    Orfana dei Soprano, la HBO si è rifatta con John Adams, che ieri sera, tra un premio e l’altro, ha vinto la sua 13esima statuetta: il dramma storico incentrato sul secondo presidente americano ha vinto con Laura Linney, miglior attrice in una miniserie, con Tom Wilkinson, miglior attore di supporto (Ben Franklin), per la sceneggiatura di Kirk Ellis, miglior attore per Paul Giamatti e – ovviamente – miglior miniserie.

    MINISERIE E FILM TV

    MINISERIE

    John Adams

    FILM PER LA TV

    Recount

    MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA IN UNA MINISERIE/FILM TV

    Paul Giamatti, John Adams

    MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA IN UNA MINISERIE/FILM TV

    Laura Linney, John Adams

    MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA MINISERIE/FILM TV

    Tom Wilkinson, John Adams

    MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA MINISERIE/FILM TV

    Eileen Atkins, Cranford

    E viste le vicine presidenziali americane, è stata la politica il tema centrale della serata: Martin Sheen, 7 stagioni da presidente in “The West Wing”, ha invitato tutti i cittadini a votare “il vostro candidato preferito…al massimo uno!”. Paul Giamatti, nel ricevere il premio, ha ironizzato sul fatto che tutti possono diventare/interpretare un presidente, ed è significativa la vittoria di “Recount”, tv movie drammatico della HBO incentrato sulle elezioni americane: Jay Roach, miglior regista, ha invitato il pubblico a “votare, votare, votare”.

    MIGLIOR REGIA PER UNA SERIE DRAMMATICA:

    “House” – “House’s Head” Greg Yaitanes.

    MIGLIOR SCENEGGIATURA PER UNA SERIE DRAMMATICA:

    “Mad Men” – “Smoke Gets In Your Eyes” (Pilot) Matthew Weiner.

    MIGLIOR REGIA PER UNA SERIE DRAMMATICA:

    “Pushing Daisies” – “Pie-Lette” Barry Sonnenfeld.

    MIGLIOR SCENEGGIATURA PER UNA SERIE COMICA:

    “30 Rock” – “Cooter” Tina Fey.

    MIGLIOR REGIA PER UNA MINISERIE/FILM TV:

    “Recount” Jay Roach.

    MIGLIOR SCENEGGIATURA PER UNA MINISERIE/FILM TV:

    “John Adams” Kirk Ellis.

    Qui, per i più curiosi, tutti, ma proprio tutti, i programmi e gli attori vincenti.