TNT ordina The Last Ship; boom il debutto di Breaking Bad 5, delude Political Animals

TNT ordina The Last Ship; domenica 15 luglio 2012 boom il debutto di Breaking Bad 5, delude Political Animals

da , il

    Michael Bay

    TNT ha dato il via libera al pilot d’azione drammaticoThe Last Ship, che tra i produttori vede il regista Michael Bay: del progetto, basato su un popolare romanzo di William Brinkley, si era parlato lo scorso maggio durante gli upfronts di TNT; sceneggiato da Hank Steinberg (creatore di Senza Traccia) e Steven Kane (The Closer), The Last Ship racconta di un gruppo di marinai di un cacciatorpediniere che deve affrontare una nuova esistenza, quando buona parte della Terra viene distrutta da una catastrofe globale.

    La rete si è detta entusiasta del progetto, “il libro The Last Ship è un libro che si legge tutto d’un fiato, che ha tutti gli elementi per diventare un eccellente serie televisiva, con una premessa grandiosa, personaggi memorabili, situazioni intense e azione a tutta birra“, spiega Michael Wright, presidente di TNT che non vede l’ora di lavorare con Bay e tutto il team di The Last Ship.

    Per la compagnia di produzione di Bay si tratta del terzo progetto televisivo in lavorazione, oltre ad un reality per A&E c’è anche Black Sails, la serie creata da Jon Steinberg e Robert Levine, che, nei primi otto episodi ordinati da Starz, racconterà gli eventi accaduti venti anni prima di quelli narrati ne ‘L’isola del tesoro‘, concentrandosi in particolare sul gruppo di pirati del capitano Flint, il più brillante e temuto pirata della sua epoca…noto anche col nome di John Silver.

    Su tutt’altro fronte, domenica sera in America c’era grande attesa per il debutto della quinta stagione di Breaking Bad e la premiere assoluta di Political Animals, la serie di Vince Gilligan è vista da 2.9 milioni di telespettatori, più 14 per cento rispetto all’anno scorso. Crescite anche nella fascia 18-49 (del 34%, 1.9 milioni di telespettatori) e 25-54 (28 %, 1.8 milioni) sempre rispetto all’anno scorso; con la replica nell’arco della stessa serata, lo show è visto da 3.5 milioni di telespettatori.

    Su Usa Network delude invece Political Animals, lo show di Greg Berlanti e Laurence Mark che ottiene solo 2.6 milioni di telespettatori, per un rating pari allo 0.5: va detto che tutte le attenzioni erano concentrate su Breaking Bad, e che la serie si distanzia molto dagli standard della rete, che raccoglie molto del suo successo grazie ai polizieschi. Concepita come una miniserie, Political Animals – che ha un cast stellare capitanato da Sigourney Weaver in un ruolo à la Hillary Clinton; seguono poi James Wolk, Ciaran Hinds e Carla Cugino – potrebbe in realtà anche ottenere una seconda stagione, ma certo, se gli ascolti rimarranno questi…

    “Non cercavamo i numeri ma le lodi della critica che non sempre portano pubblico”, dice a Variety Jeff Wachtel, presidente di Usa, mentre Chris McCumber ammette che sì, la rete sperava in numeri migliori ma che comunque lo show servirà a far conoscere il brand di Usa. “Pensiamo che con i live+3 giorni e i live+7 giorni i dati miglioreranno di molto, e che avremo un’audience diversa, che magari non ci ha mai guardato prima”.