“The Walking Dead”, serie zombie per Frank Darabont e la AMC

“The Walking Dead”, serie zombie per Frank Darabont e la AMC

La AMC amplia la sua offerta drammatica, e dopo Mad Men e Breaking Bad decide di darsi agli zombie adattando una graphic novel della Image Comics intitolata "The Walking Dead" (Robert Kirkman)

    “The Walking Dead”, serie zombie per Frank Darabont e la AMC

    Da queste parti amiamo Frank Darabont, per il semplice motivo che qualunque suo film tratto da un libro di Stephen King non viene una ciofeca. Figuriamoci quindi se un giorno viene fuori che Frank Darabont sarà sceneggiatore e regista di una serie sugli zombie intitolata “The Walking Dead”.

    Ebbene sì, la AMC amplia la sua offerta drammatica, e dopo Mad Men e Breaking Bad decide di darsi agli zombie adattando una graphic novel della Image Comics intitolata “The Walking Dead” (Robert Kirkman).

    Il progetto, in particolare, è ambientato su un gruppo di sopravvissuti ad un’apocalisse che ha lasciato un mondo di zombie; il gruppo – guidato da un ufficiale di polizia, Rick Grimes – cerca un posto sicuro dove vivere. Il fumetto esplora le difficoltà di vivere in un posto popolato da zombie che attaccano i sopravvissuti, e i conflitti che a volte scoppiano tra i sopravvissuti anche a dispetto della necessità di stare uniti per sopravvivere.

    Joel Stillerman, vicepresidente alla produzione/programmazione e ai contenuti originali della AMC, ha spiegato che al network “The Walking Dead” è piaciuto per la sua qualità della sceneggiatura, e si è detto certo che il tono della serie sarà simile a quello delle graphic novels.

    Non ci saranno zombie che escono fuori dall’armadio – ha aggiunto Stillerman – è una storia sulla sopravvivenza, cosa succede quando un gruppo è costretto a sopravvivere in determinate circostanze. In ‘The Walking Dead’, il mondo è descritto in maniera intelligente e sofisticata“.

    Non è chiaro quando andrà in onda la nuova serie (originariamente pensata per la NBC e poi proposta alla AMC dopo un’aspra battaglia), ma la rete ripone in essa grandi speranze, considerato che il “Fear Fest” programmato ad Halloween è una delle programmazioni più viste dell’anno, “segno – ha detto Stillerman – che ai nostri telespettatori piace questo genere di programmi“.

    Non so – ha concluso il vicepresidente – se esista un’altra serie di libri che ha una sceneggiatura così bella e piena di quelle emozioni umane che funzionano così bene sulla AMC, ma di sicuro ‘The Walking Dead’ ci permetterà di stare dove vogliamo stare, in un mondo di storyline intelligenti, dove possiamo dedicarci ad uno show che pensiamo sarà molto amato dai telespettatori“.

    463

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI