The Tudors, la nuova serie tv al via su Mya dal 24 aprile (fotogallery e video)

The Tudors, la nuova serie tv al via su Mya dal 24 aprile (fotogallery e video)

Debutterà il prossimo 24 aprile su Mya, uno dei nuovi canali del digitale terrestre di Mediaset, The Tudors, serie televisiva drammatico/storica creata ed interamente scritta da Michael Hirst ("Elizabeth" con Cate Blanchett) trasmessa in America dalla Showtime

    Debutterà il prossimo 24 aprile su Mya, uno dei nuovi canali del digitale terrestre di Mediaset, The Tudors, serie drammatico/storica creata ed interamente scritta da Michael Hirst (Elizabeth con Cate Blanchett) trasmessa in America dalla Showtime.

    La serie, che in estate vedremo forse anche su Canale 5, racconta in maniera romanzata (ma usando il linguaggio dell’epoca) le vicende della famiglia Tudor (dinastia composta dai cinque sovrani che regnarono tra il 1485 e il 1603 in Inghilterra: Enrico VII; Enrico VIII; Edoardo VI; Jane Grey; Maria I; Elisabetta I), focalizzandosi in particolare sui primi anni di regno di Enrico VIII, re d’Inghilterra e di Irlanda fino al 1547, interpretato dall’attore irlandese Jonathan Rhys Meyers (Match Point); nel cast della serie (tra gli altri), anche Sam Neill (il Cardinale Wolsey), Gabrielle Anwar (la principessa Margaret, sorella di Enrico), Natalie Dormer (Anna Bolena), e Peter O’Toole (Papa Paolo III). Tra le serie più costose mai prodotte da Showtime, soprattutto a causa dei costumi (‘creati’ da Joan Bergin) dell’epoca che hanno assorbito la maggior parte dei 38 milioni di dollari di budget, The Tudors ha debuttato negli Usa lo scorso aprile (2007), raccogliendo in media il triplo degli ascolti del canale (soprattutto nella fascia 17/25 anni), risultando così molto più seguita di serie ‘cult’ come Dexter e Weeds. Se gli ascolti sono ottimi, la critica è entusiasta: a parte le due nomination ai Golden Globes come miglior serie drammatica e miglior attore protagonista, il New York Post ne ha tessuto le lodi, specificando come “The Tudors contiene il sesso e le nudità più espliciti nell’odierna tv americana: sembra più una soap che un dramma storico, ma questo non significa che non sia un grande prodotto”. Non da meno il New York Times, che l’ha definita “meravigliosa: i set (ad opera di Tom Conroy, ndr) e i costumi sono magnificenti, la regia luminosa e ricca, la sceneggiatura accattivante e deliziosa”. Non sono mancate comunque le stroncature, soprattutto tra gli ‘storici’ duri e puri, che pur apprenzzando la complessiva qualità non hanno mancato di sottolineare la maggior cura per “il fascino e la sensualità piuttosto che per il dramma e i dettagli storici”; come ha spiegato il protagonista della serie, Rhys Meyers, al New York Magazine, “a quel tempo il sesso era molto, molto importante: è il sesso che ha cambiato le nazioni”. “Michael Hirst, ha aggiunto Robert Greenblatt, presidente della Showtime, ha fatto un magnifico lavoro trasformando la storia in un dramma accattivante.

    E la seconda stagione (partita in America il 30 marzo e in cui vedremo, tra le altre cose, Enrico e Caterina intenti a divorziare, il successivo matrimonio con Anna Bolena e la sua decapitazione) sarà ancora più convincente”. In attesa della seconda stagione, godiamoci, a partire dal prossimo 24 aprile su Mya, le dieci puntate che compongono la prima stagione.

    The Tudors: A King’s Life

    The Tudors – Opening Credits

    The Tudors: Season 2 Trailer

    742

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI