The Show Must Go Off, Elio e le Storie Tese assenti lasciano il posto a Gazzè, Fabi e Silvestri

Gazzè, Fabi e Silvestri prendono il posto di Elio e le Storie Tese nella seconda puntata di The Show Must Go Off

da , il

    Sorpresa nella seconda puntata di The Show Must Go Off, varietà di Serena Dandini per La7 che al secondo appuntamento riserva un trio d’eccezione in sostituzione di Elio e le Storie Tese. Gli annunciati Niccolò Fabi, Max Gazzè e Daniele Silvestri, tre colonne della musica d’autore italiana, salgono sul palco dello show della Dandini nelle inedite vesti de I Nientepopodimeno e riscrivono alcuni loro successi per ‘seguire’ la linea dettata dai ‘maestri’ Elii. In alto il loro primo intervento, di seguito l’omaggio a Pasolini e Modugno.

    Assenti Elio e Le Storie tese, impegnati altrove per una data live, il ruolo di band fissa di The Show Must Go Off viene ereditato per l’occasione da Max Gazzé, Niccolò Fabi e Daniele Silvestri che ‘inspirano’ un po’ dello spirito dissacrante degli Elii per offrire al pubblico di La7 una versione riveduta e corretta di alcuni loro successi.

    E così Daniele Silvestri trasforma la sua Salirò in Fallirò, Max Gazzé riscrive Una Musica Può Fare intitolandola Una Multinazionale e Niccolò Fabi regala una delle sue canzoni più belle, Lasciarsi un giorno a Roma, che diventa Fallire un giorno in Europa. Beh, il fil rouge del ‘mash-up’ è fin troppo chiaro, no?

    Bel modo, comunque, per non far sentire la mancanza degli Elii: tre artisti del genere, peraltro, non sono adusi a occupare gli schermi tv e ogni loro ospitata è un piccolo evento, soprattutto perché si dimostrano sempre pronti a ‘prendersi in giro’ e a offrire qualcosa di diverso.

    Godetevi in basso un omaggio prezioso: la seconda esibizione di Max Gazzè, Daniele Silvestri e Niccolo Fabi li vede in Cosa son le nuvole, scritta da Pier Paolo Pasolini e Domenico Modugno. Cose rare in tv.