The Royals, la testa che indossa la corona dorme scomoda. O no?

The Royals, la testa che indossa la corona dorme scomoda. O no?

The Royals, la testa che indossa la corona dorme scomoda

    Ricchezza ostentata tra più o meno giovani nobili inglesi a contatto con la plebe in chiave rock contemporanea. Dopo il successo mondiale della pluripremiata Downtown Abbey. Proprio questa settimana la Regina Elisabetta II ha festeggiato il regno più lungo della storia britannica, il suo, con ben sessantatré anni di “attività”. Rassicuriamo il Principe Carlo di stare tranquillo in quanto la madre non ha alcuna intenzione di lasciare il suo amato trono. Tutto ciò, a grandi linee ma decisamente più giovanili, accade nella serie televisiva The Royals.

    Nella bizzarra finzione di questa serie americana ambientata nella Londra dei giorni nostri troviamo una sfavillante Elizabeth Hurley nella parte della sovrana Helena Henstridge. Dispotica, altezzosa, intollerante e sexi, come in effetti dicono sia nella vita reale, non deve essere affatto difficile per lei recitare! Ha due figli che non la sopportano. La ribelle e magrissima Principessa Eleanor Henstridge alias Alexandra Park che sorprende in ogni episodio.

    Nota di merito per il bellissimo ed elegante William Moseley, perfetto nel ruolo del Principe Liam Henstridge. Poi, sì, certo, ci sono altri protagonisti fissi che attentano costantemente alla Corona d’Inghilterra. Non è un caso infatti che la prima puntata inizi proprio con un lutto reale… Ci si chiede se alcuni dei fatti raccontati siano realmente accaduti, se la vita di Palazzo sia così problematica, controversa e difficile…

    Certo è che chi ha fama, potere o “solo” ricchezza, dall’esterno viene solitamente ammirato ma, diciamo la verità, più spesso invidiato. Non ci si sofferma mai a pensare che avere “x” in più della media comporti più responsabilità e quindi più problemi. Sembra tutto facile.

    Tutto non meritato. La si definisce fortuna. Tante volte lo è. Stop. Tante altre no. Dietro le apparenze e la vita delle persone c’è tutto un mondo che non si può immaginare nemmeno lontanamente. Ecco, qui, si lancia un messaggio del genere.. Del tipo “non è tutto oro quello che luccica” come direbbero le nostre nonne.
    Fatto sta che ne siamo irrimediabilmente attratti. I tabloid vivono di questo perché c’è domanda. Vogliamo saperne di più. Per tutti questi motivi, ed altri ancora, credo si prospettino molte altre stagioni. Basta vederne una per non poterne più fare a meno.

    395

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Lo zampinodi Silvia Zanchi
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI