The Bible, su Rete 4 la miniserie History sulla Bibbia promossa dai sacerdoti americani

The Bible, su Rete 4 la miniserie History sulla Bibbia promossa dai sacerdoti americani

The Bible, su Rete 4 la miniserie History sulla Bibbia promossa dai sacerdoti americani

    La Bibbia come non l’avete mai vista: su Rete 4 da martedì prossimo – 18 marzo – arriva The Bible, fortunata miniserie History prodotta da Roma Downey e Mark Burnett, quest’ultimo noto più per i reality show che per le produzioni ‘serie’: e chissà se anche in Italia, come negli Stati Uniti, ci saranno sacerdoti che incoraggeranno i fedeli a sintonizzarsi su Rete 4 (che trasmetterà due puntate per volta) con sermoni ad hoc…

    Il ‘fallimento’ degli ascolti di Downton Abbey non ferma Rete 4 dal provare a proporre prodotti di qualità: stavolta si punta sul ‘sicuro’, e tra preti e suore detective che fanno la fortuna della Rai, la rete Mediaset sceglie direttamente la ‘fonte’ di ispirazione principale di certi prodotti, La Bibbia: miniserie trasmessa da Rete4 in anteprima assoluta per l’Italia da marzo, in cinque prime serate, prima di Pasqua, The Bible racconta le principali storie del libro più venduto di tutti i tempi, dall’Arca di Noè all’Esodo, senza dimenticare, ovviamente, la vita di Gesù: le prime cinque puntate sono tratte dall’Antico Testamento, mentre le rimanenti dal Nuovo Testamento.

    Faremo così la conoscenza di tutti i celebri personaggi della Bibbia, da Adamo ed Eva a Daniele (quello della fossa dei leoni), passando per Sansone (in versione rasta), Davide contro Golia, Erode e… il Diavolo, interpretato da Mohamen Mehdi Ouazanni, diventato celebre perché molto simile ad Obama: visto il putiferio esploso sui social network, peraltro, i produttori sono stati costretti a smentire qualsivoglia messaggio ‘complottista’.

    Ma qual è lo scopo di The Bible? Come spiegano i due produttori in un editoriale per l’Huffington Post, “Una delle cose che volevamo fare con questa serie è mostrare che la Bibbia non è semplicemente una ‘collezione’ di storie sconnesse che vengono spesso analizzate e discusse solo per versetti e capitoli: Vecchio e Nuovo Testamento sono connessi, sono una grande storia che racconta di come Dio ama ciascuno di noi come se ognuno di noi fosse l’unica persona al mondo da amare“. (Continua dopo il video)

    The Bible, questo il nome dello show trasmesso in America da History, è costato 22 milioni di dollari, ha visto al lavoro un team di 47 esperti tra sceneggiatori, teologi, consiglieri e studiosi biblici e una troupe di 400 persone tra attori, comparse e tecnici ed è stato girato principlamente in Marocco. Per non ‘distrarre’ il pubblico dai fatti raccontati nello show, nel cast non ci sono volti noti, anche se il doppiaggio in Italia è stato affidato anche a voci note: Dio è ‘doppiato’ da Massimo Lopez, Gesù da Fabio Boccanera (Johnny Depp, Colin Farrel e Matt Damon), mentre Paolo Buglioni (Nick Nolte, Samuel L. Jackson, Alec Baldwin) è la voce narrante dello show.

    Successo di pubblico senza precedenti – il debutto assoluto è stato visto 13,1 milioni di telespettatori, il programma della tv via cavo più visto del 2013 – The Bible è stato già visto da 100 milioni di spettatori in tutto il mondo: nel primo giorno di vendita, i dvd tratti dalla serie hanno polverizzato qualsiasi record di vendita, e la serie è finita anche al cinema.

    I dieci episodi – tagliati e rimontati anche con materiale inedito e incentrati soprattutto sulla vita di Gesù - sono diventati un film per il grande schermo intitolato Son of God. (Continua dopo il trailer)

    The Bible, inoltre, avrà anche un sequel, ordinato qualche mese fa da NBC: A.D.: Beyond the Bible, questo il titolo della nuova miniserie, racconterà della tempesta che si scatena sulla Terra Santa dopo la morte di Cristo, evento in seguito al quale le vite di tutti saranno sconvolti: i dodici episodi si concentreranno in particolare sui discepoli (dovranno imparare di chi fidarsi e da chi tenersi lontani), sulla Vergine Maria e sui leader politici e religiosi del tempo (gli alti sacerdoti e la dinastia di Erode, senza dimenticare le lotte per il potere e quelle che derivano dalla fame), senza dimenticare che scopriremo cosa succede a Giuda dopo la crocifissione di Gesù, i tre rinnegamenti di Pietro, il miracolo della Resurrezione.

    766